Hi-Tech

e-Sport, ecco come si diventa un gamer professionista | Video

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Ci sono fenomeni che nell'ultimo anno, sotto l'impulso della pandemia, sono fuoriusciti dai confini della nicchia per avvicinarsi sempre di più all'immaginario mainstream e il gaming competitivo è uno di questi: secondo Newzoo il giro d'affari del mercato globale degli sport elettronici arriverà a 1 miliardo di dollari nel 2021, con una crescita di quasi il 15% sull'anno precedente, comunque interessato da cifre non dissimili in termini di portata (si parla di 947,1 milioni di euro di ricavi nel 2020).

L'industria del gaming, che ha battuto televisione, cinema e musica per prominenza industriale sul mercato dell'intrattenimento, è al centro di un dibattito vivissimo: quello del riconoscimento dell'e-Sport come (vera) attività sportiva e la sua conseguente elevazione a disciplina olimpica, che da qualche anno infiamma addetti ai lavori e opinione pubblica.

Dopo la prima apertura del Comitato Olimpico Internazionale nel 2017, l'ipotesi di accorpare i videogiochi all'alveo dei giochi olimpici è rimasta sospesa. Una mossa risolutiva, paventata dallo stesso CIO di recente, potrebbe essere quella di fare una netta distinzione tra giochi competitivi e sport virtuali, escludendo i primi (per la violenza di molti videogiochi) e considerando i secondi, in quanto simulazioni di uno sport reale.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker