Hi-Tech

PUBG Mobile torna in India ma cambia nome, ha il sangue verde e non è violento

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Lo scorso anno l’India ha intrapreso una forte azione di censura nei confronti di tantissime applicazioni cinesi, accusate di rubare i dati degli utenti indiani e di mettere in pericolo la sicurezza nazionale attraverso l’esportazione di dati sensibili su server collocati al di fuori dei propri confini. Tra le applicazioni coinvolte dal ban c’era anche PUBG Mobile, il popolarissimo battle royale che ha pagato caro lo stretto legame con Tencent. PUBG Corporation provò a correre ai ripari revocandole tutti i diritti di pubblicazione – in modo da annullare il legame del suo gioco con l’azienda cinese -, tuttavia ciò non è bastato per ripristinare la distribuzione del titolo in India.

A circa 9 mesi di distanza, PUBG Corporation ha finalmente trovato il modo per superare il divieto e tornare nel mercato indiano con una nuova versione di PUBG che introduce diversi cambiamenti rispetto al gioco originale, ma a cui allo stesso tempo resta molto legata. Si parte con un nuovo titolo, ovvero Battlegrounds Mobile, e con un nuovo contesto.

A differenza dell’originale, infatti, Battlegrounds Mobile (disponibile su Android) si presenta come una vera e propria simulazione virtuale che porta i giocatori in un campo di battaglia fittizio. La versione indiana punta molto su questo aspetto ed enfatizza a più riprese il fatto che il gioco non sia reale, censurando il più possibile ogni accenno a temi violenti. Anche il colore del sangue è stato modificato di conseguenza, passando dal rosso al verde, proprio per via della scelta di voler mantenere toni meno realistici.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker