Hi-Tech

Honor sfida Huawei: la serie Magic sarà meglio di Mate e P

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Honor ha ufficialmente cominciato il suo percorso da azienda indipendente e sta guardando con grosso interesse a colmare il grande vuoto lasciato da Huawei nel mercato globale. Il CEO George Zhao è stato recentemente protagonista di una lunga intervista rilasciata alla testata cinese Weixin, in cui ha espresso alcuni concetti interessanti che rappresentano il punto di partenza per la nuova Honor, un'azienda che di punto in bianco ha cambiato completamente il suo posizionamento all'interno del mercato, passando dal dover agire e pensare come una sussidiaria ad assumere il ruolo di realtà completamente autonoma.

Il primo aspetto evidenziato riguarda proprio l'interruzione di questo legame, definito in diversi modi durante l'intervista, ma tutti hanno un punto in comune. Si tratta di una sorta di malinconia di fondo che rende evidente come la separazione da Huawei sia stata vissuta come un passaggio necessario ma non desiderato e che ora è giunto per Honor il momento di crescere e di diventare matura, non avendo più una grossa realtà alle sue spalle su cui contare.

La scissione tra le due aziende ha portato moltissime delle menti più brillanti di Huawei in Honor, al punto che degli oltre 8.000 dipendenti attualmente impiegati, più di 4.000 fanno parte del dipartimento di Ricerca e Sviluppo, segnale evidente di come anche la nuova azienda voglia insistere particolarmente sulla creazione di nuove funzionalità e tecnologie uniche, senza limitarsi a pescare esclusivamente tra le soluzioni fornite dal mercato.


Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 670 euro oppure da Unieuro a 759 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker