Politica

Riprese le consultazioni di Fico, gli europeisti insistono su Conte

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

AGI – Il presidente della Camera, Roberto Fico, ha ripreso questa mattina le consultazioni del suo mandato esplorativo. A Montecitorio sono stati ricevuti per primi i rappresentanti del Gruppo ‘Europeisti – Maie – Centro Democratico’ del Senato, che hanno insistito per un reincarico a Giuseppe Conte. Nella delegazione c’era anche la senatrice Mariarosaria Rossi, ormai ex FI e in passato a lungo strettissima collaboratrice di Silvio Berlusconi.

“Speriamo si arrivi a una soluzione al più presto”, ha detto al termine Ricardo Merlo, esponente del gruppo Europeisti-Maie-Cd del Senato, e ha spiegato che sono “due le emergenze da affrontare subito: l’emergenza sanitaria e quella economica”. Dunque, bisogna “archiviare al più presto questa crisi politica, l’Italia ha bisogno di un governo forte e di una maggioranza coesa con un programma condiviso. Il nostro gruppo rafforzerà la maggioranza e darà il proprio contenuto, siamo disponibili a collaborare a costruire un programma, pronti a confrontarci su tutto e siamo convinti che la persona giusta per portare avanti il governo sia Giuseppe Conte, unico punto di equilibrio possibile“. Infine, Merlo ha assicurato che si sta già “lavorando sul programma, sicuramente ci saranno altre occasioni di incontro e sarà il presidente Fico a informare” sulle modalità.

È stata poi la volta del Gruppo Parlamentare “Per le Autonomie (SVP-PATT, UV)” del Senato, quindi sono convocati il Gruppo Misto della Camera limitatamente alle Componenti che fanno riferimento alla maggioranza (Centro Democratico – Italiani in Europa; Maie-Movimento associativo Italiani all’estero-Psi; Minoranze linguistiche) e per ultimo il Gruppo Misto del Senato, sempre limitatamente ai componenti che fanno riferimento alla maggioranza.

Fico attende di terminare il primo round dell’esplorazione affidatagli dal Capo dello Stato per tirare le prime somme della verifica sulla fattibilità di una ricomposizione tra Pd, M5s, Leu e Italia viva, dopo lo strappo dei renziani. I nodi sul tavolo sono ancora molti ed è per questo che non si esclude affatto, anzi appare assolutamente plausibile, viene spiegato, un secondo giro di colloqui (anche se al momento non si è entrati nel dettaglio e l’agenda è tutta da definire).

Inoltre, alla luce dell’esigenza – espressa da tutte le forze politiche nelle dichiarazioni alla stampa – di partire dal programma e mettere nero su bianco i punti programmatici alla base di un eventuale governo che prosegua la sua azione fino alla fine della legislatura, oltre agli incontri faccia a faccia si potrebbe delineare anche la scelta di un incontro collegiale.

Un momento in cui i vari ‘attori’ politici siedono l’uno di fronte all’altro. È una ipotesi, viene spiegato, che è stata affrontata durante le consultazioni di oggi, se ne è discusso, si è ipotizzata, è un tema sul tavolo, ma ancora tutto da definire.

Tutti i leader, come del resto lo stesso Fico, sono consapevoli che il lavoro è oneroso, che occorre pazienza e determinazione, che c’è ancora molto da fare (va ancora risolta la ‘questione’ del nome del premier, che per i giallorossi deve essere Conte, mentre Iv insiste sul fatto che i nomi vengono dopo, prima si parla dei contenuti), diversi i nodi da sciogliere e le asperità da smussare. Intanto si registra la comune volontà di provare a verificare se è possibile concordare un programma, mettendo al centro il Recovery plan.

Nella breve dichiarazione rilasciata dopo aver ottenuto l’incarico esplorativo da Mattarella, Fico non ha nascosto la consapevolezza dell’enorme responsabilità: “Il momento è molto delicato per il Paese, siamo chiamati ad affrontarlo con la massima responsabilità per dare risposte urgenti che i cittadini attendono”, ha sottolineato.

E oggi, viene spiegato, si è avviato un percorso, si è aperto un confronto sulle diverse posizioni. Naturalmente il percorso è ancora aperto, così come il confronto, e si capirà nelle prossime ore (Fico deve riferire l’esito della sua esplorazione al Capo dello Stato martedì) se esistono condizioni e margini per dar vita a un nuovo governo sostenuto da Pd, M5s, Leu e Iv tutti di nuovo insieme. 

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker