Hi-Tech

Uber: stop alle attività in California se dovrà inquadrare gli autisti come dipendenti

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Uber potrebbe lasciare temporaneamente la California, cessando le sue attività, se fosse costretto ad inquadrare i suoi autisti come dipendenti come vorrebbe la recente sentenza di un Tribunale dello Stato americano. Questa "pesante" presa di posizione arriva direttamente dal CEO della società, Dara Khosrowshahi. Ma come si è arrivati a questo punto?

Pochi giorni fa, un giudice della California aveva ordinato non solo a Uber ma pure a Lyft di inquadrare gli autisti come dipendenti veri e propri. Ad oggi, infatti, lavorano come indipendenti. Secondo le società, queste figure preferiscono continuare a lavorare in tale modo ma secondo i sindacati, invece, l'attuale inquadramento priva tali lavoratori di alcuni benefit importanti come l'assicurazione sanitaria, gli straordinari e un salario minimo.

Secondo l'accusa, Uber e Lyft violerebbero una norma dello Stato entrata in vigore all'inizio dell'anno, nota come Assembly Bill o AB-5, che prevede che ai lavoratori della "gig economy" vengano riconosciuti i medesimi benefit dei dipendenti. La sentenza è stata sospesa per 10 giorni per dare tempo alle due società di presentare appello, cosa che hanno fatto. Ma se l'azione legale dovesse fallire, Uber potrebbe dover interrompere per diversi mesi le sue attività in California visto che sarebbe impossibile passare in breve tempo al nuovo modello di business richiesto dalla sentenza. Una situazione che causerebbe la perdita per diverso tempo del reddito di tutti coloro che oggi lavorano con la società.


Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Emarevolution a 635 euro oppure da Yeppon a 760 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker