Hi-Tech

Netflix, i mercati esteri sono sempre più cruciali per crescere

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Netflix dichiara regolarmente il fatturato e il numero di utenti globali, ma per avere dettagli un po' più precisi per area/regione bisogna generalmente ricorrere a statistiche di terzi, inevitabilmente approssimative. Nelle scorse ore, tuttavia, il colosso dello streaming ha pubblicato un documento finanziario (il cosiddetto modulo 8-K per la SEC americana) che suddivide le informazioni per macro-aree geografiche. Netflix dice che da ora in avanti queste informazioni diventeranno la norma, proprio perché i mercati esteri sono sempre più importanti.

A grandi linee, possiamo dire che la documentazione evidenzia dei trend che già conosciamo: i mercati esteri rappresentano la quasi totalità della crescita e più del 50% del fatturato complessivi. Per contro, guardando le cose al contrario, rimane impressionante la forza del mercato statunitense, capace da solo di generare quasi la metà dei profitti, e talmente maturo da avere ormai limitatissime possibilità di crescita (in effetti quest'estate c'è stata addirittura una diminuzione).

USA e Canada, nei primi 9 mesi del 2019, hanno portato un fatturato di 7,379 miliardi di dollari, con un totale di 67.114 abbonati. Seconda arriva l'area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), che ha generato 3,98 miliardi di dollari di fatturato e conta 47.355 abbonati. Dietro si piazza l'America latina, con 2,049 miliardi e 29.380 abbonati, e infine arriva l'Asia/Pacifico, con 1,051 miliardi e 14.485 abbonati. Vista l'enormità di questo mercato (che include Cina e India, oltre all'intero continente oceanico), è evidente come per Netflix ci sia ancora un enorme potenziale di crescita, da quelle parti.


Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 549 euro oppure da Amazon a 640 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker