Sport

Lo strano ultimatum a Orlando e Mirri: “No ai biglietti omaggio alla politica”

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: SPORT

orlando mirri

(gm) Sono stato il primo a sottolineare la “stranezza” di riservare ben 191 posti ai consiglieri comunali e a varie autorità all’interno della bozza di convenzione tra Comune e Ssd Palermo, sorprende quantomeno il numero. Si può certo parlare di pessime abitudini che vengono dal passato (fu più o meno così anche 32 anni fa) ma mi sembra altrettanto irrituale questo “ultimatum” che ha il sapore della facile demagogia: Comune e Palermo stanno dialogando su vari aspetti della convenzione, dall’affitto dello stadio alla durata della convenzione cercando ognuno di tirare acqua… al proprio mulino. Esprimere il proprio dissenso è una cosa più che legittima, dettare presunti “ultimatum” no.

LETTERA APERTA ALLA TIFOSERIA E ALLA CITTADINANZA DI PALERMO

Lo sport ha la caratteristica millenaria di unire persone e popoli di tutto il mondo, senza distinzione di genere, religione, età, opinione politica e, soprattutto, estrazione sociale ed economica. Se oggi fosse vivo, il grande Totò definirebbe il calcio come “una livella”, che rende uguali il ricco ed il povero, l’adulto ed il bambino, uomini e donne, amici e avversari, tutti accomunati da una grande passione.

Sembra che queste caratteristiche di uguaglianza sociale, per i politici palermitani (e segnatamente per il sindaco Orlando, la Giunta comunale ed i consiglieri), non abbiano alcun valore. Qualcuno di loro, evidentemente, si sente “più uguale” degli altri, e pretende di non pagare (e di non far pagare ai propri amici degli amici) il biglietto o l’abbonamento per le partite del Palermo.

Tutte le testimonianze ricevute nella giornata di ieri ci dicono che tale atteggiamento, che ha radici lontane, non è più ritenuto accettabile dai cittadini e dai tifosi del Palermo, che hanno manifestato tutto il proprio risentimento verso un accordo che prevede, in cambio della concessione dello stadio Renzo Barbera alla società del presidente Mirri, un balzello “in natura” (dal valore di circa 60.000 euro annuali) da pagare alla politica in virtù di odiosi privilegi ancora duri a morire.

Riteniamo, invece, che tutti coloro che devono dare l’esempio, come il sindaco Orlando, la Giunta ed i consiglieri, debbano anche pagare il biglietto, come tutti. Pertanto, chiediamo formalmente all’onorevole Sindaco ed al Presidente Mirri di comunicare, entro la giornata di oggi, la rinuncia al perfezionamento della clausola contrattuale che ha suscitato l’indignazione popolare, nonché di chiarire, ora e per il futuro, i contenuti integrali del documento con il quale il Comune di Palermo concederà alla SSD Palermo l’uso dell’impianto sportivo.

Al presidente Mirri ed al dottor Sagramola, inoltre, chiediamo di vigilare attentamente, nel rispetto degli oltre 10.000 tifosi che hanno sottoscritto l’abbonamento, sulla politica degli ingressi allo stadio, dando pubblicamente un segnale di discontinuità con il passato, in nome di una responsabilità civica nata nello stesso momento in cui a loro è stato affidato, proprio dal sindaco Orlando, il riscatto sportivo di una intera città.

A tutti i cittadini e tifosi desiderosi di fermare una volta per tutte questi tentativi della politica di rivendicare odiosi privilegi, chiediamo di condividere questa lettera aperta con tutti i propri contatti, al fine di dare massima diffusione.
Tutti devono sapere.

Il Comitato Rosanero in Class Action”.

LEGGI ANCHE

PALERMO – GUCCIONE? LA RISPOSTA DELL’AGENTE

TRAPANI, ESONERATO BALDINI. PANCHINA A SCURTO

PALERMO – TROINA: LA STORIA DI RAIA

CRIVELLO PRENDE PER MANO IL PALERMO

L’articolo Lo strano ultimatum a Orlando e Mirri: “No ai biglietti omaggio alla politica” proviene da Stadionews24.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker