Hi-Tech

Robot a scuola di machine learning: Google li istruisce ad essere utili nel quotidiano

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Google paragona i robot di oggi ai computer degli anni '70: acerbi, limitati e in grado di essere manovrati solamente da personale esperto. Così come l'avvento dei microprocessori ha dato un impulso allo sviluppo, consentendoci di arrivare alle soluzioni dei giorni nostri, altrettanto può il machine learning accelerare il processo di crescita tecnologica dei robot, manovrati da sensori sempre più avanzati e con hardware alla portata di tutti grazie ai costi sempre più contenuti.

Da questa premessa è nato diverso tempo fa dentro Alphabet The Everyday Robot Project, con l'intento di creare robot che siano utili nella quotidianità, capaci cioè di svolgere azioni semplici che "aiutino le persone nel mondo reale così come i computer fanno in quello virtuale".

POCO CODICE, MOLTO MACHINE LEARNING

Niente codice, però: per X – il laboratorio "segreto" di Google fondato nel 2010 da Larry Page e Sergey Brin passato direttamente sotto Alphabet nel 2016 – è impossibile prevedere tutti i movimenti, azioni, imprevisti, compiti già in fase di programmazione. Ciò che risulta naturale per una persona, non può dirsi altrettanto vero per un robot. Ecco dunque che entra in gioco il machine learning, considerato da Alphabet l'unico modo possibile per fare in modo che le macchine svolgano lavori realmente utili e diversificati tra loro.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker