Hi-Tech

Guida autonoma, l'AI impara a prevedere il comportamento degli automobilisti

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Una delle più importanti sfide dei sistemi a guida autonoma è riuscire a rapportarsi correttamente con gli altri occupanti della strada. Prevedere il comportamento degli altri veicoli è il focus di una nuova ricerca del laboratorio del MIT che si occupa di intelligenza artificiale, il CSAIL (Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory). Il compito del modello AI sviluppato dai ricercatori è classificare se l'azione di un guidatore è altruista o egoista.

Per esempio: il guidatore sarà aggressivo nel cercare di immettersi da una strada secondaria sulla destra, o aspetterà il proprio turno? Darà la precedenza a un incrocio oppure proverà a muoversi anche quando non è il suo turno? È difficile saperlo prima, ma è anche vero che ogni tanto – magari a livello quasi inconscio – a tutti i guidatori capita di non fidarsi di un altro occupante della strada. Il difficile è trasferire questo istinto a un software. Dice Wilko Schwarting, uno dei principali autori della ricerca:

Lavorare con, e intorno agli, esseri umani significa indovinare le loro intenzioni per capire meglio il loro comportamento. La tendenza delle persone a essere collaborative o competitive spesso si riflette nel loro comportamento da guidatori.


Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da GroupStore.it a 654 euro oppure da ePrice a 721 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker