Hi-Tech

WhatsApp ban? Chiedere di essere riammessi sarà più semplice

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

WhatsApp impone il rispetto di regole stringenti per utilizzare la sua piattaforma di messaggistica: il riferimento non va in questo caso alla controversa informativa privacy e ai nuovi termini del servizio tornati da poco sotto i riflettori, quanto alle norme che disciplinano i casi in cui i gestori della piattaforma possono scegliere di sospendere l'account in modo temporaneo o permanente. Per chiedere a WhatsApp di riconsiderare le ragioni che hanno portato ad adottare il provvedimento è necessario contattare l'assistenza. In futuro la procedura potrà essere ulteriormente velocizzata mediante una nuova funzione in-app.

La funzione è attualmente in sviluppo, i dettagli sono stati ricavati dalla versione beta per iOS, ma non c'è motivo di ritenere che non verrà integrata anche nel client per Android. Accedendo all'app con un account sospeso, l'utente visualizzerà il messaggio che lo informa che non è più possibile usare WhatsApp e, poco più in basso, un il link per richiedere una revisione del provvedimento. Selezionandolo, apparirà il modulo di segnalazione con un campo di testo che potrà essere riempito per fornire al team di WhatsApp tutte le informazioni utili al riesame. Un ultimo tap su "Submit" e non resterà che attendere il responso.

In genere sono sufficienti 24 ore per sapere l'esito della revisione, nel frattempo le chat non vengono cancellate. L'utente viene avvisato con una notifica in-app quando WhatsApp arriva alla conclusione che può determinare la riammissione (ved. screenshot in basso a sinistra) o l'impossibilità di rimuovere la sanzione (ved. screenshot in basso a destra). Nel primo caso l'utente dovrà effettuare una nuova verifica dell'account prima di accedere alle chat, nel secondo non avrà altra alternativa che creare un nuovo account.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker