Hi-Tech

CPU Intel attaccate al corpo con lo scotch: storia vera tra contrabbando e… ceretta

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Hong Kong – Zhuhai – Macao è il ponte sul mare più lungo del mondo con i suoi 55 chilometri, nonché uno dei più connessi grazie alla copertura 5G sull'intero percorso. E ora rischia di diventare un crocevia di contrabbandieri, proprio come il ponte di Glienicke vicino a Potsdam (Germania) è diventato dopo la Seconda Guerra Mondiale il ponte delle spie, perché durante la guerra fredda USA e URSS lo usavano per scambiarsi le rispettive spie prigioniere. Niente guerra fredda, in questo caso, ma soltanto tentativi di commerciare illegalmente materiale prezioso. Oro? No, molto più raro: CPU Intel.

Sarà che la crisi dei chip ha messo a soqquadro l'intero mercato, ma davvero schede video e processori si sono trasformate da componenti per PC a materiale di contrabbando. Altro che sigarette, gli affari si fanno con le CPU.

Così la dogana di Hong Kong ha pizzicato un camionista intento a varcare il confine sul ponte. Una volta fermato per un controllo, l'autista si è mostrato sin da subito nervoso, fatto che ha insospettito le autorità che hanno così deciso di perquisirlo. Beh, sul camion non hanno trovato nulla, ma addosso al camionista sì. Si era attaccato con lo scotch in tutto il corpo – dal torace sin giù alle gambe – 256 CPU Intel, per lo più di fascia alta: Core i7-10700 e Core i9-10900K, per un valore totale di 800 mila dollari hongkonghesi (HKD), equivalenti a circa 87.370 euro. Non osiamo pensare al dolore che l'autista ha provato quando la dogana ha provveduto a togliergli il nastro adesivo…


Lo smartphone 5G per tutti? Motorola Moto G 5G Plus, in offerta oggi da Stockador a 174 euro oppure da Amazon a 239 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker