Hi-Tech

Bonus TV da 100 euro per tutti, a prescindere dal reddito

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Poche settimane e il bonus TV da 100 euro sarà richiedibile da tutti, a prescindere dal reddito. Come spiega Il Corriere della Sera ormai siamo alle ultime battute: Ministero dell'Economia e Ministero per lo Sviluppo economico hanno redatto il decreto attuativo che stabilisce le regole di ingaggio; una volta pubblicato in Gazzetta Ufficiale bisognerà attendere ulteriori 15 giorni. In pratica il mese di luglio aprirà le danze e si potrà godere del bonus fino al 31 dicembre 2022 – a meno che il fondo da 250 milioni di euro non si esaurisca prima.

LE DIFFERENZE RISPETTO AL PASSATO

L'attuale Bonus TV prevede 50 euro di sconto per l'acquisto di "TV e decoder idonei alla ricezione di programmi TV con i nuovi standard trasmissivi (DVBT-2/HEVC)". L'agevolazione però è riservata alle famiglie con ISEE fino a 20 mila euro. Il nuovo Bonus TV invece prevederà uno sconto del 20% sul prezzo finale di acquisto, fino a un massimo di 100 euro, per tutti i nuclei famigliari a prescindere dal reddito. Il motivo di questo cambio di marcia si deve al fatto che siamo in ritardo. Secondo l'ultima indagine di Auditel-Ipsos ci sono ancora oltre 9 milioni di apparecchi televisivi nelle case degli italiani che risultano incompatibili con i nuovi standard di trasmissione. Per altro bisogna ricordare che da fine novembre i decoder dovranno almeno supportare l'alta risoluzione (anche se si sta valutando un rinvio), mentre a partire dal 2022 si passerà definitivamente al DVBT-2/HEVC.

BONUS TV, ISTRUZIONI PER L’USO

Indicativamente entro fine luglio, se non ci saranno intoppi burocratici, il nuovo Bonus TV sarà attivo. A quel punto basterà acquistare un decoder DVBT-2/HEVC o una TV nuova (con decoder integrato) per godere dello sconto di 100 euro. A patto di essere residenti in Italia, essere in regola con il pagamento del canone Rai e aver previsto la rottamazione del proprio vecchio televisore. Quest'ultimo punto potrebbe essere quello più critico per alcune famiglie. Il modello in questione infatti dovrà essere antecedente al dicembre 2018 e quindi incompatibile con i nuovi standard.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker