Hi-Tech

Il Cashback di Stato si ferma da oggi. Tutto quello che c'è da sapere

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Dal 1 luglio cala ufficialmente il sipario sul Cashback di Stato, il programma di rimborsi statali messo in campo dal Governo per incentivare i pagamenti con moneta elettronica e favorire la lotta all'evasione fiscale, che si ferma così allo scadere dei primi sei mesi dell'anno (il 30 giugno 2021) con un anno di anticipo sulla tabella di marcia prevista in origine. Non ci sarà, dunque, la seconda fase dell'operazione che avrebbe preso il via a partire dal 1 luglio con durata fino al 31 dicembre. A stabilirlo è stata la cabina di regia che si è tenuta a Palazzo Chigi nei giorni scorsi.

Quella che si è appena conclusa sarà dunque, per quanto riguarda l'anno in corso, la sessione finale del meccanismo di rimborsi destinato ai cittadini residenti in Italia e di età superiore ai 18 anni che hanno effettuato acquisti con carte di credito, carte di debito, prepagate e app di pagamento nel primo semestre del 2021. A partire dal mese di luglio, si procederà con la fase di liquidazione delle somme accumulate con i pagamenti delle carte aderenti all'iniziativa, tra cui quelli relativi al Super Cashback da 1.500 euro destinato ai più attivi utilizzatori di moneta elettronica.

COS’E’ IL CASHBACK

Il Cashback di Stato è un'iniziativa messa in campo dal Governo Conte nell'ambito del piano Italia Cashless per incentivare i pagamenti non in contante attraverso un meccanismo di restituzione in denaro di una percentuale del pagamento elettronico effettuato nell'arco di sei mesi. La misura è stata avviata, in via sperimentale, lo scorso dicembre con il cosiddetto Extra Cashback di Natale, che in poche settimane di operatività (dall'8 al 31 dicembre 2020) ha rimborsato 223 milioni di euro ai cittadini che hanno effettuato almeno 10 transazioni nei negozi (non sono validi gli acquisti online) in quell'arco temporale. Dal 1 gennaio 2021, il Cashback è entrato a regime con la prospettiva di durare, suddiviso in tre tranche semestrali, fino al 30 giugno 2022. La notizia dello stop del programma, ventilata nei mesi scorsi ed avallata dalle ultime indiscrezioni trapelate da Palazzo Chigi, rimescola così le carte in gioco.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker