Hi-Tech

NASA, tutto da rifare per il lander lunare: ricorso di Blue Origin blocca SpaceX

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Sembrava tutto fatto tra NASA e SpaceX per il lander lunare chiamato a riportare l'uomo sul nostro satellite naturale nel 2024. Le lamentele di Jeff Bezos e della sua Blue Origin hanno colpito nel segno, costringendo l'agenzia spaziale statunitense a bloccare il finanziamento da 2,9 miliardi di dollari definito dal contratto.

Stop dunque allo sviluppo del lander da parte della società di Elon Musk, come espressamente richiesto dal numero uno di Amazon in un lungo documento inviato allo US Government Accountability Office in cui si punta il dito contro la NASA, rea di non aver analizzato correttamente il progetto Blue Moon alternativo a quello di SpaceX. Si riapre così la partita miliardaria, che vede tra l'altro tra i diretti interessanti anche una terza società, Dynetics, che di fatto ora torna in gara. La decisione finale sarà presa entro il prossimo 4 agosto.

Sono due le principali accuse formulate da Blue Origin: innanzitutto a SpaceX è stata offerta la possibilità di rivedere il progetto alla luce di un taglio del budget, opportunità non data invece alla società di Jeff Bezos. Poi, fatto forse ancor più grave, si ritiene la stessa SpaceX monopolista dell'esplorazione spaziale, avendo innalzato barriere che impediscono alla concorrenza di muoversi sul mercato in modo competitivo dal punto di vista sia economico sia tecnologico.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker