Sport

“Littorina” Valente mette il Palermo sul binario giusto. Le pagelle ironiche di A&F

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: SPORT






Ci avviciniamo all’ultima di campionato senza troppi patemi. Dopo quello che abbiamo visto quest’anno non crediamo più di tanto in un miracolo ai playoff e non abbiamo neanche capito bene una formula che sembra elaborata dagli stessi che stanno redigendo il piano vaccinale e che analizzano i numeri sui contagi. In tutti questi casi non si capisce assolutamente nulla e quindi siamo sereni.

La mazzata finale ci arriva però dalle immagini dello stadio di Francavilla che ci fornisce la stessa visuale della impostazione “telecamera giocatore” su Fifa21 alla PS4. Praticamente vengono inquadrati 10 metri di un campo sintetico schiarito in cui si muovono tantissimi giocatori in maniera frenetica. Rassegnati rinunciamo a qualunque tentativo di comprendere quale sia la formazione schierata da Filippi e decidiamo di “goderci”, si fa per dire, la partita.

Le squadre, complici il campo più piccolo e il terreno veloce, giocano a ritmo accelerato e la gara è vibrante. Al 21’ i padroni di casa passano in vantaggio sulla solita dormita della difesa rosa. Nulla di nuovo sul fronte occidentale! Il Palermo però reagisce pressando senza sosta ed in poco più di dieci minuti ribalta il risultato con un uno-due di Valente. Alla mezz’ora l’attaccante rosa, al termine di una manovra corale, insacca in rete con un preciso colpo di testa un bell’assist di De Rose. Al 42’ sigla il vantaggio con un eurogol (luogo comune anni ‘80!). con un gran tiro al volo all’incrocio. Un minuto dopo lo stesso Valente potrebbe siglare il tris ma stavolta il portiere salva con un uscita senza paura.

Andiamo al riposo soddisfatti e ci prepariamo un alka seltzer doppio per superare i postumi della doppia giornata barbecue (avendo studiato non usiamo il più appropriato “arrustuta”). Il Palermo torna in campo con Silipo e Saraniti in sostituzione di Rauti e Broh che non abbiamo neanche capito se avessero giocato bene o male. Le squadre continuano ad affrontarsi a viso aperto ma noi siamo più concentrati sugli accoppiamenti per i playoff. Si tratta di un rebus più complicato del nuovo sistema mondiale per il calcolo dell’handicap a golf che sta facendo impazzire il nostro amico Claudio che pure dice di avere due lauree.

Al 15’ i rosa approfittano di un grazioso regalo della difesa locale con Silipo che la mette dentro a porta vuota. Un minuto dopo Santana, appena entrato, fallisce incredibilmente l’occasione del 4-1 calciando alto da due passi. Le occasioni per i rosa fioccano perché la Virtus si butta in avanti alla ricerca di un improbabile pareggio. Si arriva alla fine con un orecchio agli altri campi per capire la griglia finale dei playoff. Per una volta esultiamo per un gol dei cugini del Catania che, pareggiando a Foggia, ci regala un insperato settimo posto che significa la prima sfida in casa contro il Teramo. Non abbiamo nulla da perdere e quindi perché non gridare Forza Palermo?

Pelagotti 6 – Sulle uscite sembra sempre un po’ di marmo però oggi la passa liscia e non possiamo negargli la sufficienza. Rivedibile.

Accardi 5,5 – Sulla sua fascia nel primo tempo passa di tutto e lui sta a guardare come un passeggero al bordo del binario della metro. Pensilina.

Lancini 5,5 – Nel primo tempo si mangia un gol fatto e poi, quando il Francavilla attacca, sbanda come tutta la difesa. Birillo.

(dal 42’ s.t. Marconi) s.v.

Marong 5 – Meno sicuro di altre gare. A volte ha difficoltà anche a sparare il pallone in tribuna. Viva il parroco!

Doda 6 – Prova a correre ma spesso dimentica il pallone. Duecentometrista.

Luperini 5 – Corre a vuoto come gli succede da tutta la stagione. È sempre fuori tempo e non si capisce la sua posizione in campo. Vagabondo.

De Rose 7 – È tornato ai livelli del suo arrivo in rosa. Imposta anche meglio e i suoi lanci sono spesso pericolosi. Aiuto regista.

Valente 8 – Due gol, di cui uno da cineteca. E’ incontenibile e corre per tutta la partita. Littorina.

(dal 24 s.t. Kanoute) s.v.

Broh 6 – Fa l’assist per l’eurogol di Valente ma per il resto si perde tra centrocampo e attacco. Sperso.

(dal 1′ s.t. Silipo) 7 – Entra e si mette a fare il trequartista dietro Saraniti. Sembra più a suo agio e inizia seminando il panico tra gli avversari. Poi segna pure un gol che non si poteva sbagliare. Pispisa.

Floriano 5 – Non è mai nel vivo dell’azione e quando prende palla la perde quasi subito. Abbuttato.

(dal 16 s.t. Santana) 6 – È subito pericoloso. Poi non fa più nulla. Mezzo servizio.

Rauti 5 – Non si capisce neanche che fa l’attaccante centrale. Non prende la palla, non tira e non fa la sponda per i compagni. Punta per caso.

(dal 1’ s.t. Saraniti) 6,5 – Fa l’assist per Silipo dopo aver ipnotizzato il difensore della Virtus Francavilla che gli passa il pallone invece di spazzare. Silvan.

Filippi 7 – Doveva vincere e ha vinto. Chiude la stagione con una media punti che ci avrebbe portato molto più in alto. Scusate il ritardo.

LEGGI ANCHE

LA CRONACA DEL MATCH 

LE PAGELLE DI GUIDO MONASTRA

PLAYOFF, AL PRIMO TURNO È PALERMO – TERAMO

L’articolo “Littorina” Valente mette il Palermo sul binario giusto. Le pagelle ironiche di A&F proviene da Stadionews24.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker