Hi-Tech

Tutti imitano Clubhouse: anche LinkedIn studia un tool basato sulla voce

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Lo sbarco di Clubhouse nella galassia dei social network ha spinto i suoi protagonisti a sviluppare funzioni ispirate al suo modello.

Dopo Facebook, Twitter, Telegram e anche Spotify (che ha di recente annunciato l'acquisizione di Locker Room), è ora la volta di LinkedIn. La piattaforma di Microsoft dedicata al mondo del lavoro sta implementando un nuovo strumento basato sull'utilizzo della voce. Come rivelato dallo sviluppatore Alessandro Paluzzi, la versione attuale dell'applicazione nasconde infatti un'interfaccia per un nuovo strumento chiamato Live Audio Room. Si tratta di un tool basato su stanze (proprio come Clubhouse) all'interno delle quali alcuni speaker interagiscono tra loro vocalmente di fronte a una platea virtuale di ascoltatori. L'immagine pubblicata da Paluzzi, tuttavia, non sarebbe quella ufficiale: l'azienda ha condiviso con TechCruch il concept dell'interfaccia "In Room" della nuova funzione, che mostra un esempio più dettagliato di come potrebbe apparire al momento del lancio.

Dalla foto risultano ben visibili la scritta "Live" in rosso (collocata in alto a sinistra), il palco virtuale con gli speaker e una lista di 216 ascoltatori che possono chiedere la parola alzando virtualmente la mano, come avviene anche su Clubhouse. La presenza dell'icona dell'aeroplanino e dell'emoticon presuppone l'esistenza, non ancora confermata, di una chat integrata.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker