Hi-Tech

Acer sotto attacco ransonware: chiesti 50 milioni di dollari di riscatto!

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

50 milioni di dollari: è questa la cifra chiesta da un gruppo di hacker ad Acer, da pagare entro il 28 marzo pena la pubblicazione di tutti i dati che i pirati informatici dicono di essere riusciti a sottrarre. Si tratta di uno degli attacchi ransomware più gravi mai registrati, vista soprattutto la dimensione del riscatto chiesto.

I responsabili sono stati identificati in REvil, realtà già nota per l'attacco ransomware nei confronti di Travelex di inizio 2020 in cui erano stati richiesti 6 milioni di dollari per non pubblicare i 5GB di dati sequestrati. Casi come questi sono sempre più frequenti, e spesso vedono gli autori del ricatto prevalere sulla vittima (vedasi la cittadina della Florida costretta a pagare 600.000 dollari pur di riavere i dati rubati). E più si diffondono, più le cifre richieste aumentano: i 50 milioni di dollari chiesti ad Acer rappresentano sotto tale aspetto un vero e proprio record.

Il gruppo REvil ha avuto accesso alla rete aziendale sfruttando una falla di Microsoft Exchange (sono arrivati di recente diversi aggiornamenti a riguardo, e non è da escludere affatto che tra le correzioni apportate ci sia anche quella relativa al buco sfruttato dagli hacker). Per il momento in Acer le bocche sono cucite: "ci sono indagini in corso, e per motivi di sicurezza non possiamo commentare i dettagli", ha detto un portavoce. Viene confermato tuttavia che sarebbero state riportate "situazioni anormali".


Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Tecnosell a 455 euro oppure da Euronics a 999 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker