Cultura

La Sicilia erotica del I secolo dopo Cristo: affiora una lucerna 'proibita'

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: CULTURA

Vallelunga Pratameno, nel nisseno, lì dove oggi si lavora al raddoppio della linea ferrata Catania-Palermo, viveva tra il I e il II secolo d.C. un signore facoltoso, che non disdegnava di arredare con rosse ceramiche la propria grande villa, dotata di un cortile con grandi porticati da cui si poteva godere la vista della pianura e il rumore dello scorrere dell’acqua in un vicino torrente, il Salicio. E, molto probabilmente, fare come si faceva nelle ville di Pompei: non perdersi i piaceri della vita, soprattutto quelli erotici.

Lo testimonia un importante reperto emerso durante alcuni lavori di scavo in contrada Manca. Si tratta dei resti di una lucerna raffigurante una scena erotica. “La lucerna – spiega la Soprintendente ai beni culturali di Caltanissetta, Daniela Vullo – e’ una nuova, preziosa testimonianza che arriva da un sito la cui scoperta rappresenta un evento eccezionale. Nella zona, infatti, non ci sono altri insediamenti di questo tipo. Al momento, si sta lavorando per calcolare le esatte dimensioni della domus: e’ stata accertata un’estensione di 600 metri quadrati ma quella complessiva e’ di gran lunga superiore”.

La lucerna, ultimo ritrovamento in ordine temporale, si aggiunge ai tanti reperti di età romana, attestabili tra il I e il II secolo d.C., già rinvenuti e classificati nello stesso cantiere di scavo. “Non è certo il collegamento della lucerna con la villa”, spiega all’AGI, Marina Congiu, archeologa che dirige gli scavi, ma reperti del genere adornavamo le residenze dei ricchi signori di Pompei.

“L’indagine archeologica, iniziata nel mese di luglio 2020 è  in fase di svolgimento”, spiega Vullo, ed è attualmente limitata a un raggio di 225 metri quadrati. Le strutture murarie della villa ne indicano l’importanza. L’insediamento rurale misura circa sei ettari, e potrebbe appartenere all’età romano-imperiale: il sostentamento di chi lo abitava proveniva da attivita’ cerealicole. Tra gli strati di crollo sono state trovate di recente alcune tegole con il bollo, a indicare il legame della struttura con un personaggio della cerchia pubblica romana.

La villa consta di 5 o 6 ambienti che si articolano ad est, a nord e a sud di un lungo ed ampio portico a forma di L. Nella parte oggi visibile il portico era delimitato a sud e ad ovest da muri esterni che inglobavano nella muratura colonne fittili poste alla distanza di circa 2 metri una dall’altra. Queste colonne erano formate, ciascuna, dalla sovrapposizione di dischi in terracotta del diametro di 35 centimetri circa, legati tra loro da uno strato di malta. Gli spazi fra le colonne erano probabilmente chiusi da bassi muretti (alti circa tra m 1,20/1,50) e la copertura del portico era costituita da una stretta tettoia a spiovente.

A nord e ad est del portico, divisi da muri ben delineati, si disponevano diversi vani (al momento tre accertati, ma piu’ probabilmente cinque) uno dei quali direttamente comunicante col portico tramite un varco. I vani erano a pianta quadrangolare, dotati di copertura e finalizzati a diversi utilizzi. Uno di essi era un magazzino o un deposito: al suo interno e’ stato trovato un “Dolio”, ovvero un grande contenitore in terracotta del tipo solitamente destinato alla conservazione delle derrate alimentari.

A sud il portico cingeva invece un atrio o un’ampia corte scoperta, anch’essa di forma quadrangolare. E’ molto probabile, spiegano gli archeologi, che il complesso si articolasse in due aree: una pars dominica, ovvero la zona residenziale del domus, e in una pars rustica, dove trovavano sede gli spazi e gli impianti utilizzati per la conduzione delle attività agricole. Vari segni di rimaneggiamento e riutilizzo – sia delle strutture rilevate che dei materiali da costruzione – attestano che il complesso ebbe lunga vita e conobbe nel tempo diverse fasi d’uso. “Questa ipotesi – aggiungono gli esperti – trova conferma nell’abbondanza dei tipi ceramici rinvenuti, fra i quali si distinguono lucerne, anfore, vasellame da mensa in terra sigillata (ceramica caratterizzata da una vernice rossa brillante e da ornamenti a stampo in rilievo) sia italica che africana, collocabili entro un arco cronologico compreso tra il I ed il IV secolo d.C.”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker