Hi-Tech

GeForce RTX 3060: i miner aggirano il blocco di NVIDIA con driver moddati

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

La GeForce RTX 3060, presentata ormai due settimane fa, è l'ultima aggiunta di NVIDIA al suo portfolio di schede grafiche pensate per il gaming e basate su architettura Ampere. Prestazioni e prezzo a parte, la scheda è balzata subito all'attenzione in quanto arriva sul mercato in un particolare periodo di scarsa disponibilità di GPU, un fenomeno che sappiamo dipendere da diversi fattori, tra questi non si può escludere sicuramente il mining delle criptovalute.

Per questo motivo, la stessa NVIDIA ha presentato la GeForce RTX 3060 dichiarando guerra al mining e annunciando che la scheda presenta sostanzialmente un blocco (BIOS e driver) che in pratica va a dimezzare quello che è l'hash-rate, rendendola – almeno sulla carta – una scelta poco appetibile per i miner e in generale per tutti coloro che vogliono utilizzarla per tale scopo.

A seguito dell'annuncio NVIDIA, in molti erano sicuri che questo blocco sarebbe presto stato aggirato, e così sembra essere se guardiamo al recente post su Twitter (successivamente rimosso) di iLeakVN, un gruppo di sviluppatori cinesi che ha postato anche uno screenshot con una configurazione di 8 GeForce RTX 3060 che operano con un hash-rate di 45 MH/s, confermando quindi che le GPU in questione non sono affatto castrate, a patto ovviamente di utilizzare dei driver ad-hoc.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker