Hi-Tech

Xiaomi nella lista nera USA anche per un'onorificenza conferita a Lei Jun

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Xiaomi è stata inclusa nella blacklist degli Stati Uniti anche per un'onorificenza governativa ricevuta, nemmeno troppo recentemente, dal fondatore e amministratore delegato Lei Jun. Il fatto risale all'estate del 2019: il ministero per l'industria e l'informatica (MIIT) ha conferito a Jun e altri 99 imprenditori il titolo di "eccezionale costruttore di socialismo con caratteristiche cinesi". Questo riconoscimento viene dato con cadenza quinquennale a imprenditori privati; insieme a Jun c'erano altri esponenti notevoli del settore tech, tra cui i fondatori della società di videogiochi NetEase e del social network Weibo, e di quello automotive, come Wang Chuanfu di BYD.

Il MIIT governa e gestisce, come è facile immaginare, settori come quello delle telecomunicazioni, di internet, della produzione fisica di prodotti tecnologici e molto altro. Ma l'intelligence americana sospetta anche che sia il principale protagonista della strategia di fusione dei settori civile e militare, che ha l'obiettivo di modernizzare l'esercito cinese attraverso tecnologia avanzata e di ultima generazione.

C'è tuttavia dell'altro. La documentazione, scoperta dal Wall Street Journal, cita anche preoccupazioni per il piano di investimenti dell'equivalente di 7,7 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni per sviluppare 5G e intelligenza artificiale, due ingredienti che secondo gli USA sono il perno centrale della strategia di modernizzazione dell'esercito cinese. Xiaomi viene inoltre definita in una posizione di dominio assoluto nel settore delle apparecchiature smart per la casa, proprio grazie a queste tecnologie.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker