Sport

Cavani al Palermo: un “sequestro” di mercato firmato Foschi

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: SPORT

Da colpo di mercato a… “sequestro” di mercato, il passo è breve. Ed è quello che è accaduto con l’arrivo di Edinson Cavani al Palermo nel gennaio 2007, quando Rino Foschi giocò tutte le proprie carte per riuscire a strappare il giovane talento uruguagio alla Fiorentina e al suo “rivale”, Pantaleo Corvino.ù

A tracciare la fotografia di quei giorni è “Grand hotel calciomercato”, che racconta come la destinazione Palermo fosse gradita, ma che bisognava correre in Uruguay per definire bene tutti i passaggi della trattativa e le varie clausole (compresi club e procuratori): “Organizziamo subito un volo. Subito, subito!”, disse Foschi in preda all’agitazione ai propri collaboratori

Definita la trattativa, Foschi arriva a Milano con Edinson Cavani; un colpo inseguito da tempoFoschi. Ma nessuno (o quasi) ne sa niente. Foschi tiene la cosa segretissima e spedisce Cavani in una camera d’albergo a Milano insieme ai suoi agenti: “Dobbiamo mettere a posto tutte le pratiche, non fate sapere a nessuno che siete lì”.

Peccato però che Corvino lo venne a sapere e si presentò nella hall dell’albergo: da giorni cercava gli agenti di Cavani per proporre il trasferimento alla Fiorentina. “Rino, guarda che c’è Pantaleo di sotto”. Ne venne fuori un “duello rusticano”: Foschi urla, grida e difende con le unghie e con i denti il proprio colpo di mercato. E alla fine Cavani è del Palermo. Il resto è storia.

LEGGI ANCHE

PALERMO – BISCEGLIE: LE PAGELLE IRONICHE DI AMENTA E FERRARA

PALERMO – BISCEGLIE: LE PAGELLE DEI QUOTIDIANI 

LE DICHIARAZIONI DI COLANTUONO

SERIE A, I RISULTATI DELLA 22a GIORNATA

L’articolo Cavani al Palermo: un “sequestro” di mercato firmato Foschi proviene da Stadionews24.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker