Sport

La cessione del Palermo, tutto quello che c’è da sapere (e da non dire)

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: SPORT






Il Palermo è in vendita? Né più né meno come lo era tre mesi fa. La situazione è delicata, perché i risultati di questa stagione sono stati fallimentari sia sul piano sportivo (la squadra fin qui ha deluso al di là di ogni possibile attenuante) che economico, visto che il disavanzo di gestione a fine campionato sarà di sette milioni circa. Difficoltà che quest’estate nessuno, all’interno della società, aveva immaginato ma che fanno parte della storia del campionato di serie C, un torneo “infido” che ha fatto tante vittime illustri, ultima in ordine di tempo il Bari che ha fallito la promozione l’anno scorso e che quest’anno deve sperare nei playoff.

A chi si fosse perso qualcuna delle ultime puntate ricordo che si è parlato di Massimo Ferrero, attuale patron della Sampdoria; del fondo Algebris, dell’american-etneo (neologismo) Antonio Cauzo, di Andrea Radrizzani patron del Leeds e di Eleven.

Ai lettori, che su questo sito hanno trovato pochissime informazioni, dobbiamo alcune spiegazioni. Sparare nel mucchio, senza conferme non dico certe ma almeno attendibili, non è abitudine di questo giornale: a volte è meglio non dire e quasi nulla di quello che ho sentito ha trovato verifiche attendibili (almeno per me). A parte Ferrero, il cui interesse è noto (ma sono note anche le difficoltà regolamentari legate alla proprietà della Sampdoria), che continua a seguire con attenzione le vicende rosanero.

Su materie così delicate per il futuro della società è meglio andare con i piedi di piombo, coscienti del fatto che le trattative “vere” di solito si svolgono in silenzio e non sui giornali. Qualche contatto nel recente passato c’è stato ma davvero poca roba, semplici “ricognizioni” che finora non hanno prodotto alcunché.

Era una premessa doverosa per spiegare che la situazione non è cambiata di molto rispetto a qualche mese fa: la vera novità è che si sono moltiplicate le “voci” di cessione, in modo direttamente proporzionale alle difficoltà della squadra a fare risultato (e al malumore dei tifosi) e alle criticità finanziarie alle quali non è estraneo “l’effetto Covid” che ha “bruciato” almeno tre milioni di euro di entrate, previste dal botteghino e dalla pubblicità.

Il presidente Mirri ha confermato di essere pronto a trattare ma al tempo stesso non parla di “Palermo in vendita”, di sicuro è pronto a rispondere a chi si mostrerà interessato all’acquisto della proprietà. Difficile che trovi qualcuno disposto a rilevare “solo” le quote di Tony Di Piazza che si era accollato “l’irripetibile” ruolo del grande socio di minoranza.

L’unica ipotesi plausibile è la cessione dell’intero pacchetto. A quale prezzo? Anche su questo argomento ho sentito numeri di cui non ho avuto conferma: la “voce” più frequente è che si parte da una base di 15 milioni di euro (l’attuale valore del capitale sociale) ma non mi risulta che queste cifre siano state fatte dalla proprietà. Di sicuro si aspetta una valutazione “ufficiale” della società da parte della Pricewaterhousecoopers che dovrebbe servire a comprendere quale sia il valore del pacchetto di azioni in mano a Di Piazza.

Tutto il resto è affidato al “mercato”: una cosa ha un certo valore solo se c’è qualcuno disposto a pagare il prezzo richiesto. Questo qualcuno fino a ora non c’è. Se la famiglia Mirri dovrà abbassare le pretese non è compito giornalistico stabilirlo perché non siamo abituati a fare i conti con il portafoglio degli altri. Di sicuro, sul da farsi peserà – tranne evoluzioni calcistiche oggettivamente imprevedibili – la valutazione degli errori commessi quest’anno che costringeranno la proprietà – qualunque essa sia – a mettere mano al portafoglio l’anno prossimo per costruire una squadra all’altezza delle ambizioni della tifoseria e del progetto presentato a suo tempo.

LEGGI ANCHE

ROSSI: “PALERMO? CLUB PIU’ FORTE CHE HO ALLENATO. SU ZAMPARINI…”

VALENTE: “VINCERE I PLAYOFF NON E’ IMPOSSIBILE”

PALEGOTTI GUARDA AVANTI: “IO E IL PALERMO CI RIALZEREMO”

L’articolo La cessione del Palermo, tutto quello che c’è da sapere (e da non dire) proviene da Stadionews24.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker