Politica

De Micheli apre all'ipotesi di tornare in classe anche il sabato e la domenica

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

AGI – “Le scuole vanno riaperte quando ci sono le condizioni per riaprirle. Vediamo a che punto stanno, il 9 dicembre, i contagi”. E’ quanto afferma in un’intervista a la Repubblica la ministra dei Trasporti Paola De Micheli un relazione alla prospettiva dell’anno scolastico. Quanto alla pericolosità dei trasporti per la trasmissione del virus, afferma: “Nessuno mi ha portato uno studio che dimostri che i trasporti sono la principale ragione della crescita della curva. Ho sentito troppi scienziati parlare a braccio, in questo periodo. Poichè la politica, però, non si muove solo per scienza esatta, ma anche per rassicurare i cittadini”. 

E assicura che “le Regioni hanno messo a disposizione quasi diecimila bus aggiuntivi in tutto il Paese con le risorse assegnate dal Governo. Sono pronti a scendere in strada, alcune città hanno già codificato le corse in più da fare”.

Dopo aver offerto una serie di dati di bilancio (“500 milioni di euro, duecento sono per il 2021” per bus “privati, a noleggio. Da sette e nove metri. Dodici per l’extraurbano”) e sulla capacità dei mezzi (“Siamo tornati alla capienza del 50 per cento e dobbiamo restarci almeno fino all’estate”), la ministra De Micheli precisa che il trasporto a prova di contagio si ottiene “con lo scaglionamento degli ingressi e delle uscite da scuola”.

E ribadisce: “Siamo in emergenza e credo sia necessario fare lezioni in presenza anche il sabato“, mentre rispetto alla domenica afferma: “Sono decisioni che vanno condivise con tutto il governo, ma, dicevamo, siamo in emergenza e bisogna far cadere ogni tabù. Ce lo chiedono diverse Regioni. Anche gli orari delle attività produttive dovranno essere cambiati, cadenzati”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker