Sport

Palermo – Paganese 2 – 1 / LE PAGELLE: Rauti il migliore, Almici cresce

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: SPORT





Alla mezz’ora del primo tempo la vittoria sembrava una formalità, poi è diventata una sofferenza con l’ossigeno che scarseggiava. Ma è una vittoria ugualmente importante, che dà continuità alle ultime prestazioni e aggiusta la classifica. Per 55′ è stato un Palermo autorevole, in costante progresso di gioco: l’ultima parte risente della fatica, più che giustificabile visti i tanti impegni ravvicinati.

PALERMO (4-2-3-1): Pelagotti 6; Almici 7, Palazzi 6 (dal 31′ p.t. Peretti 6), Marconi 6, Corrado 5,5 (dall’11 s.t. Crivello 6); Broh 6,5, Martin 6,5 (dal 24′ s.t. Luperini); Kanoute 7, Rauti 7,5, Floriano 5,5 (dal 24′ s.t. Silipo 6); Saraniti 6,5 (dal 24′ s.t. Lucca 6).

PAGANESE (3-5-2): Campagni 6; Cigagna 5,5 (dal 13′ s.t. Carotenuto 6), Schiavino 6,5, Sirignano 5,5; Mattia 6,5 (dal 38′ s.t. Mendicini s.v.), Bramati 5 (dal 13′ s.t. Scarpa 5,5), Bonavolontà 6 (dal 42′ s.t. Isufaj s.v.), Gaeta 5,5, Squillace 5; Guadagni 5 (dal 13′ s.t. Cesaretti 5,5), Diop 5.

Pelagotti 6: Spettatore per larghi tratti della partita, sul gol non si aspetta di trovarsi i fronte un avversario così vicino e così solo. Sbaglia un’uscita alta.

Almici 7: L’assist per il gol di Saraniti è al bacio e non è l’unico. Sul piano difensivo la partita è semplice e può fare sentire il peso dalla metà campo in avanti: non è un caso che sulla destra il Palermo faccia le cose migliori.

Palazzi 6: Conferma l’intelligenza tattica mostrata nelle ultime partite, anche se oggi il coefficiente di difficoltà della gara è decisamente inferiore. Purtroppo deve uscire troppo presto per un guaio muscolare.

(dal 31′ p.t. Peretti) 6: Non è ancora al massimo, ogni intervento è goffo e non dà l’idea della sicurezza: però non commette errori da matita blu e considerato che è entrata a freddo è già qualcosa.

Marconi 6: Commette un’ingenuità colossale facendosi beffare da Diop con una finta che per poco non porta la Paganese sull’1 a 1. Ma conferma di essere sempre più a suo agio nella linea difensiva del Palermo.

Corrado 5,5: Qualche spunto offensivo finalmente si è visto, un paio di cross quasi dal fondo non hanno certo fatto rimpiangere il ben più quotato Aleesami. L’impressione però è che possa ancora migliorare in continuità. Esce per infortunio.

(dall’11’ s.t. Crivello) 6: Si mette in evidenza per un intervento difensivo che non è decisivo solo perché l’arbitro avrebbe fischiato il fuorigioco. Si pianta sulla fascia sinistra nel peggior momento del Palermo e tampona tutto quello che può: non è tempo di pizzi e merletti.

Broh 6,5: Sul primo gol è lui che fa partire l’azione tagliando bene la metà campo avversaria. Ha tecnica e questa volta l’accompagna a una condizione atletica crescente. Fa una prestazione più che sufficiente con promessa di migliorare ancora.

Martin 6,5: Sembra che Boscaglia si sia ricreduto, schierandolo ancora una volta dall’inizio e avendo ragione. Finchè l’ossigeno arriva al cervello, suo e della squadra, Martin è importante nel dettare tempi e spazio. Non è rapidissimo di corsa, lo è più di cervello smistando il gioco con pochi e misurati tocchi di palla. Bravo anche in fase di recupero. Esce a metà ripresa stremato.

(dal 24′ s.t. Luperini) 6: Fa quello che può, considerate le traversie dell’ultimo periodo.

Kanoute 7: Altro assist, è lui che serve a Rauti la palla dell’1 a 0, come era successo giovedì con la Juve Stabia. E’ in progressivo miglioramento la sua condizione atletica e così la sua spinta continua sulla destra crea problemi alla Paganese.

Rauti 7,5: Segna il primo gol in maglia rosanero con un colpo da biliardo, un tiro non forte ma preciso che sblocca la gara. E’ devastante nell’azione che porta al secondo gol – molto simile a quella di Castellammare – e fa tante cose buone. Resta qualche errore di gioventù che andrà eliminato nel tempo. Ma sul gol della Paganese si addormenta e lascia a Schiavino un comodo colpo di testa ravvicinato.

Floriano 5,5: Ha troppa smania di fare bene e come sempre accade finisce per fare confusione: dalle sue parti raramente il Palermo confeziona pericoli. E’ comunque un pedaggio inevitabile alla sua voglia di rivalsa. I numeri non gli mancano.

(dal 24′ s.t. Silipo) 6: Ritorna in campo quando c’è da portare ossigeno alla squadra in difficoltà, cerca qualche giocata, vuole incidere senza troppo riuscirci. Ma è un ritorno importante.

Saraniti 6,5: Due gol consecutivi, chi l’avrebbe mai detto appena quattro giorni fa? Si vede subito che la rete alla Juve Stabia lo ha rinfrancato, è esuberante fisicamente e sfrutta al meglio il suo colpo migliore, cioè il colpo di testa. Prima del gol, molto bello, sempre di testa aveva sfiorato il gol e ha partecipato alla manovra con molta più efficacia. In alcune situazioni mostra limiti tecnici e ovviamente cala alla distanza ma giocando così finalmente diventa un giocatore importante per la squadra.

(dal 24′ s.t. Lucca) 6: Quando entra lui non c’è più spazio per il gioco di squadra, deve imparare meglio a far salire la squadra. Ma si batte con grande foga.

LEGGI ANCHE

LA CRONACA DEL MATCH

SERIE C: I RISULTATI DELLA 11A GIORNATA

L’articolo Palermo – Paganese 2 – 1 / LE PAGELLE: Rauti il migliore, Almici cresce proviene da Stadionews24.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker