Hi-Tech

Hacker prendono di mira centri di ricerca sul vaccino. La denuncia di Microsoft

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Microsoft ha denunciato una serie di attacchi hacker rivolti a ospedali, organizzazioni sanitarie internazionali e aziende farmaceutiche impegnate nella ricerca sul vaccino e la cura per il Covid-19. Non è purtroppo la prima volta che ciò accade: basti pensare a quanto avvenuto all'Ospedale Spallanzani di Roma lo scorso aprile e nella Repubblica Ceca, che hanno spinto anche la Croce Rossa Internazionale ad intervenire sull'argomento chiedendo a Governi e istituzioni un maggiore impegno nella lotta al cybercrimine.

Sono tre le realtà individuate da Microsoft: una russa (il nome è tutto un programma: Strontium) e due nord coreane – Zinc e Cerium. Gli obiettivi sono stati case farmaceutiche e centri di ricerca sul vaccino ubicati in Canada, Francia, India, Corea del Sud e Stati Uniti. La strategia è sempre la stessa: forzare i login per rubare le credenziali personali fingendo di far parte dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e di società di recruiting per la ricerca sul Covid.

Simili situazioni si erano verificate anche di recente: una sempre a Roma, questa volta all'Università di Tor Vergata, in cui hacker sono entrati nei server rendendo inaccessibili documenti di fondamentale importanza sulle terapie in fase di studio e sperimentazione; e l'altra proveniva invece dalla Russia, sempre indirizzata a laboratori impegnati contro il Covid-19. In questo secondo caso si era riscontrato il coinvolgimento dei servizi segreti russi, interessati a rubare dati sensibili sulla ricerca per il vaccino.


Il meglior rapporto qualità/prezzo del 2020? Xiaomi Mi 10 Lite, in offerta oggi da Mobzilla a 238 euro oppure da Amazon a 294 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker