Hi-Tech

Otto anni di Surface, otto anni di innovazione fuori dagli schemi

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Otto anni esatti fa, il 26 ottobre 2012, Microsoft lanciava sul mercato il suo primo dispositivo della famiglia Surface: si chiamava, semplicemente, "Surface for Windows RT", ed era un tablet basato su Windows 8 che poteva anche fare da PC, in un certo senso. Non ebbe un grande successo, perché era basato su processori ARM e SoC per dispositivi mobile, con un OS, Windows RT, che aveva troppe rinunce rispetto al sistema operativo convenzionale.

Fu probabilmente troppo prematuro, ma grazie ad alcuni accorgimenti ha contribuito a definire la categoria dei convertibili o 2-in-1. Pensiamo per esempio al supporto al pennino, al "kickstand" integrato orientare lo schermo a mo' di laptop, e alla tastiera/cover collegata magneticamente al corpo del dispositivo: sono cose che diamo per scontate nel 2020, ma all'epoca erano una novità sostanzialmente assoluta.

Il dispositivo era stato presentato qualche mese prima, insieme a una variante Pro basata su processori Intel che fu decisamente più apprezzata; arrivò sul mercato qualche mese più avanti. Nel corso degli anni Microsoft ha lavorato molto per rifinire quello che all'epoca era un concetto completamente nuovo, e anche se non ha sempre fatto centro ad oggi è un form factor che ha i suoi estimatori e un buon seguito, complici anche le tante proposte analoghe realizzate da partner terzi.


Le massime prestazioni al miglior prezzo? Realme X50 Pro è in offerta oggi su a 558 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker