Hi-Tech

Samsung sviluppa Quantum Dot blu che emettono luce, ma i TV sono ancora lontani

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Il Samsung Advanced Institute of Technology (SAIT) ha sviluppato un nuovo processo per la creazione di Quantum Dot blu capaci di emettere luce autonomamente. Parliamo dunque della tecnologia che in gergo prende il nome di QDEL (Quantum Dot ElectroLuminescent), secondo la definizione data da Nanosys, leader nel campo dei materiali per Quantum Dot. Samsung parla invece di QLED ma non da intendersi come gli attuali TV in commercio, frutto di una definizione di natura commerciale che identifica prodotti con tecnologia LCD abbinati a Quantum Dot; questi elementi convertono la luce proveniente dalla retroilluminazione in rosso e verde e si aggiungono al blu (che si lascia passare intonso) per creare tutte le componenti cromatiche primarie.

I QDEL sono Quantum Dot capaci di emettere luce propria, senza l'ausilio di una retroilluminazione, come abbiamo spiegato nel dettaglio in questo approfondimento. Al momento la tecnologia è ancora in fase di sviluppo e tra le difficoltà incontrate c'è proprio la creazione di Quantum Dot capaci di emettere luce blu (per ogni pixel servono i tre primari: rosso, verde e blu). Le problematiche si manifestano sotto forma di rapida ossidazione e perdita di efficienza luminosa e portano ad una durata molto bassa degli emettitori QDEL di colore blu. Ecco perché i display QDEL non sono ancora in commercio e anche i prototipi alle fiere di settore sono stati mostrati in rare occasioni.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker