Hi-Tech

Basta software inutile negli smartphone, Europa sul piede di guerra

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

L'Unione Europea è stufa (come tanti di noi) delle app preinstallate negli smartphone che non si possono rimuovere: il Financial Times dice che è una delle misure previste dal nuovo Digital Service Act, attualmente è in fase di elaborazione e che dovrebbe essere presentato per l'approvazione entro la fine dell'anno. Questo provvedimento dovrebbe essere solo una parte marginale del Digital Service Act. La legge, di cui si parla già da mesi, punta a riformare in modo profondo il potere e il controllo dei colossi tecnologici su internet.

Al giorno d'oggi è (per fortuna) difficile trovare smartphone con 64 GB di spazio interno, quindi la presenza di qualche app inutile sullo smartphone non è così cruciale come qualche anno fa, dove le memorie si fermavano a 32 GB o, peggio, a 8 o a 16. Ma alcune di queste app consumano risorse inutilmente; è vero che si possono disattivare dalle impostazioni del sistema operativo, ma non è una procedura così immediata e facile da seguire per tutti.

Dal punto di vista tecnico, ai produttori come Samsung, OnePlus, ASUS e così via verrà richiesto di separare le app dal firmware vero e proprio, e assicurarsi che gli smartphone funzionino correttamente anche una volta che le app saranno disinstallate. È una cosa che entro certi limiti alcuni produttori già fanno, ma chiaramente una legge europea metterebbe dei paletti ben più precisi e renderebbe più semplice per l'utente capire cosa può rimuovere e cosa no.


Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Emarevolution a 616 euro oppure da Yeppon a 748 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker