Politica

Il Ministero della Salute dice 'no' al 25% del pubblico negli stadi. Salvini: "Proposta ragionevole" ​ 

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

AGI – Sulla questione dell’affluenza dei tifosi negli stadi è intervenuto anche Matteo Salvini: “Io riaprirei gli stadi con il 25% di capienza, assolutamente. Mi sembra una cosa ragionevole, non vedo dove sia il problema. Al gran premio di Moto Gp, a Misano, sono entrate 10 mila persone e si sono divertite”. Così il leader della Lega in un’intervista a Radio 24. 

La polemica è scoppiata ieri quando la Conferenza delle Regioni ha reso nota la propria proposta al governo per far entrare fino al 25% dei tifosi nelle strutture, con mascherina e dopo il controllo della temperatura. Uno scenario che non è piaciuto al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: “Totale disaccordo, così non si garantisce la sicurezza”.

E anche il ministero della Salute si schiera dalla parte del ‘no’. “Il ministro è contrario ad andare nella direzione” indicata dalla Conferenza delle Regioni. Lo rivela la sottosegretaria, Sandra Zampa, ospite di ’24 Mattino’ su Radio 24. “Un po’ abbiamo riaperto – ha spiegato – ma dobbiamo tenere conto che abbiamo di fronte una lieve ripresa dei contagi legati ancora ai contatti maturati in vacanza, con un trend giornaliero che oscilla tra i 1600 e i 1800 casi nuovi secondo il numero dei tamponi, che fra un paio di settimane si conoscerà l’impatto con la riapertura delle scuole e che siamo circondati da un vero disastro”.

“Che senso ha – ha ragionato la sottosegretaria – andare a cercarci dei guai adesso quando possiamo aspettare ancora un paio di settimane? Le Regioni, se volessero, possono anche decidere per proprio conto. Ciò che sta succedendo per gli stadi è già accaduto con la riapertura delle discoteche: le Regioni le hanno aperte ma poi, di fronte al disastro, il ministro ha fatto un’ordinanza che ne ha imposto la chiusura”. Per poi ribadire: “Noi al ministero siamo contrari, il ministro ha ieri ribadito che prima ci sono le scuole, ci sono altre priorità. Poi ci occuperemo degli stadi”, ha ribadito Zampa.

 

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker