Politica

L'ira dei gruppi M5S: "Basta con la dittatura dei vertici e le scelte dall'alto"

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

AGI – “Basta con la dittatura dei vertici e con le decisioni calate dall’alto”. E’ un fuoco di fila quello partito da deputati e senatori durante l’assemblea M5s. Il segnale che i parlamentari non ci stanno più a sopportare scelte che non sono chiamati a determinare.Il capo politico Crimi ha avanzato tre proposte per cercare di abbassare la tensione. Nelle sue interlocuzioni prima della riunione con i gruppi alla quale non hanno partecipato ‘big’ e ministri (presente solo il responsabile della scuola Azzolina) ha indicato una strada di compromesso. La costituzione di una sorta di ‘Commissione’ formata da dieci persone, espressione del Movimento della Camera, del Senato, della delegazione in Europa, nelle regioni e nei comuni. Indicherebbe l’indirizzo politico, vaglierebbe le iniziative e le strategie, comprenderebbe di fatto tutti i vari livelli del Movimento in attesa degli Stati generali il cui percorso a livello territoriale partirebbe il 15 ottobre ma per completarsi dopo qualche mese, attraverso una consultazione sulla rete dei progetti e delle idee avanzate.

Per i gruppi bisogna evitare che sia Casaleggio a determinare le scelte

E’ un meccanismo che andrebbe nella direzione di evitare uno scontro aperto nel Movimento, siglare una sorta di ‘pax interna’ per non scaricare le fibrillazioni sull’attività parlamentare e sul governo. Un’idea che ha trovato un’apertura da parte dell’ala governista ma sulla quale occorrerà ancora ragionare, magari nel vertice che Crimi terrà con i ministri e i sottosegretari M5s lunedì. Le altre due strade indicate prevedono un voto su ‘Rousseau’ di un capo politico o di un organismo collegiale. Gli ultimi due scenari sarebbero stati accolti con maggiore freddezza, la volontà dei gruppi M5s è soprattutto quella di evitare che sia ancora la Casaleggio Associati a determinare le scelte del Movimento. Non è un caso che molti di quelli intervenuti – a partire da Morra – abbiano chiesto di mettere fine ai procedimenti disciplinari, alle espulsioni, invocando una libertà di pensiero.

Le tre proposte avanzate da Crimi saranno votate tramite e-mail. “Chiedevate – ha argomentato il capo politico – un percorso dal basso ed è quello che sta avvenendo. Non state vedendo un post direttamente sul blog con una decisione. L’idea è che siano i portavoce che scelgono autonomamente singoli soggetti per la commissione per gli Stati Generali. Non avrete un uomo che dà la soluzione”. Ed ancora: “Occorre avviare la nuova fase. Dare carburante al percorso, e lasciare il confronto sui temi a un approfondimento maggiore”.

Ma nella discussione generale in tanti hanno sottolineato il risultato negativo alle Regionali. “E’ stata una vera sconfitta”, la tesi ricorrente. Tanto che Crimi di fronte agli affondi si è difeso: “L’autocritica che mi faccio? E’ quella di aver sempre privilegiato i territori e le volontà specifiche delle singole volontà territoriali. E questo lo sanno tutti”. Sul campo restano le divisioni, tra chi spinge per gli Stati generali subito (Di Battista vorrebbe tenerli entro ottobre), chi vuole un organismo collegiale anche passando attraverso ‘Rousseau’ e chi, invece, preferirebbe aspettare e costruire un percorso a tappe. E-mail? “Decidono gli iscritti su ‘Rousseau'”, la reazione di Bugani, vicino a Casaleggio, su Facebook.

Fico prova a mediare

Prima dell’incontro ha cercato di indossare i panni del mediatore di nuovo il presidente della Camera, Fico: “Basta con le battaglie intestine – il suo invito -, dobbiamo avere una collegialità maggiore, perché alcuni problemi ancora vivi nel M5S derivano da verticismo troppo spinto che c’è stato”.

 

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker