Hi-Tech

Il punto sulla Rete unica (ma sembra un galleggiante ancorato a TIM)

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Il dibattito sulla Rete unica prosegue come una telenovela sudamericana più che un'avvincente serie TV firmata dallo sceneggiatore Aaron Sorkin – quello di West Wing e The Newsroom, per intendersi. Ogni giorno si aggiunge un nuovo capitolo, personaggi, potenziali spinoff, indiscrezioni, etc. L'unica certezza è che il tema sembra sempre meno tecnico, e più politico e finanziario. Qualcuno potrebbe sostenere che la priorità non è cablare in fibra le zone in digital divide, ma ristabilire un nuovo equilibrio nel mercato delle telecomunicazioni con il collaterale dello sviluppo.

Com'è risaputo le parti in campo sono Telecom Italia, fondi di investimento e banche, Cassa Depositi e Prestiti (CDP), Enel e il convitato di pietra Open Fiber (50% Enel, 50% CDP). Il Governo è idealmente a favore di una rete unica indipendente. "La rete unica sarà una infrastruttura aperta e inclusiva: vogliamo che tutti partecipino a un progetto che voglio si realizzi in tre-quattro anni. Nel Recovery plan italiano è importantissimo perseguire l'obiettivo concreto della banda ultralarga al più presto. Tim è quotata ma ha trovato convincente il progetto del governo", ha dichiarato sabato scorso il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker