Hi-Tech

Riconoscimento facciale? Non a Portland, è severamente vietato (a tutti)

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Il riconoscimento facciale potrà anche servire, ma di certo non è generalmente apprezzato e accettato dalla popolazione. L'idea di avere un Grande Fratello che ci osserva preoccupa, anche se nella stragrande maggioranza dei casi le telecamere che riconoscono le persone incrociando video, algoritmi e database vengono utilizzate per garantire la sicurezza di una città o di un esercizio commerciale.

É ancora fresco lo scandalo dell'arresto negli USA di una persona innocente, "riconosciuta" durante una rapina in un negozio di orologi ma non corrispondente al vero autore del furto. Del resto, sono tanti gli studi che dimostrano come la tecnologia per il riconoscimento del volto sia ancora inaffidabile, così come ammesso anche da uno studio inglese in cui sono stati analizzati i dati raccolti dalla tecnologia LFR nella centralissima Oxford Circus.

Ebbene, Portland è molto probabilmente la prima città al mondo facial recognition-free: la decisione è stata presa dall'Amministrazione locale, che ha votato per il ban a tutte le forme e modalità di riconoscimento facciale nel territorio comunale. E la grande novità è che tale metodologia non potrà essere utilizzata né dal pubblico (dunque nemmeno dalla Polizia), né dai privati, come cittadini, hotel e negozi. Non solo: d'ora in poi non la si potrà applicare nemmeno in aeroporto. Delta, per dire, la utilizza per il controllo dei passeggeri all'imbarco, ma a Portland dovrà rivedere le sue procedure.


Il meglior rapporto qualità/prezzo del 2020? Xiaomi Mi 10 Lite, in offerta oggi da Tecnosell a 263 euro oppure da Media World a 305 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker