Hi-Tech

Apple Tag/AirTags, gestione intelligente dell'energia | Brevetti

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Si torna a parlare di Apple AirTags, o Apple Tags o comunque si chiameranno gli accessori di localizzazione della Mela di cui si vocifera da tempo: l'ufficio per la proprietà intellettuale americano ha pubblicato due brevetti che, è inequivocabile, si riferiscono proprio a loro. Come si evince dal titolo, sono entrambi relativi alla gestione energetica: uno in particolare si concentra sulle varie modalità di alimentazione, l'altro sulla gestione dell'energia.

Al solito i brevetti sono molto tecnici e complicati, ma cerchiamo di riassumere sinteticamente i dettagli principali:

  • Capacità di incrementare la potenza del segnale in modo intelligente in base alla prossimità di determinati dispositivi e alla posizione.
  • Ricorso alla tecnologia UWB (Ultra-wide Band) e gestione dinamica dell'alimentazione per garantire tracking a lunga distanza con consumo di energia estremamente basso, nell'ordine di grandezza dell'NFC.
  • Aggiornamento delle informazioni sulla posizione anche da parte di dispositivi non collegati all'account iCloud del proprietario dei tag.
  • Ampia gamma di protocolli di comunicazione supportati: appunto UWB, Bluetooth e Bluetooth LE, LP e ULP primariamente, in alcuni casi è previsto anche il Wi-Fi e addirittura la connettività cellulare. Alcuni tag potrebbero avere anche componenti accessori come speaker, LED di stato e così via.
  • Vari step di consumo energetico: da ultra-basso a ultra-alto. Per esempio, il primo può venire utilizzato finché il tag percepisce di essere ancora nei paraggi del dispositivo host, oppure finché non viene richiesto di inviare dati da altri dispositivi. Se il tag sa di trovarsi in una zona sicura, come per esempio la casa dell'utente o il luogo di lavoro o altri posti visitati di frequente e con regolarità, eviterà di attivare la modalità più energivora. Al contrario, sarà in grado di percepire addirittura se si sta abbandonando un veicolo (sia un treno, un aereo o la propria auto) e mettersi in preallarme in caso l'utente lo stia scordando a bordo.
  • Integrazione con Apple Pay e possibilità di usare i tag per pagare al posto di Apple Watch o iPhone
  • Possibilità di condividere i tag con più utenti: per esempio se si vuole tenere traccia di apparecchiatura sportiva usata da tutta la famiglia.

Intanto continua a non essere chiaro quando gli AirTag saranno presentati. Le voci insistono nel dire "entro fine anno", quindi probabilmente in concomitanza con l'arrivo di iPhone 12. Vedremo.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker