Hi-Tech

Huawei, ultimi giorni per fare scorta di chip prima dell'inasprimento delle sanzioni

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Huawei si sta precipitando per accumulare quanti più chip possibile a ormai meno di un mese dall'entrata in vigore delle nuove sanzioni imposte dagli Stati Uniti. Ricordiamo che l'amministrazione Trump, oltre ad aver esteso il Ban standard di un altro anno, ha anche isolato il colosso cinese dalle fonderie americane o che usano tecnologia americana – quindi sostanzialmente tutte quelle più evolute.

Stando a quanto riporta il Nikkei, l'azienda fondata da Ren Zhengfei sta riempiendo i suoi magazzini di SoC mobile con modem 5G, chip Wi-Fi e RF, display e tanti altri componenti chiave da fornitori come MediaTek, Realtek, Novatek e RichWave. Pare addirittura che alcuni fornitori abbiano concordato di spedire componenti non finiti, per esempio non assemblati o testati, pur di fare volume.

Del resto la società combatte per la sopravvivenza, dicono le fonti interne che hanno parlato con la testata asiatica: secondo le previsioni, le vendite di smartphone in futuro potrebbero crollare di ben il 75% se le scorte di chip si esauriranno. Le fonti tra i fornitori dicono che le chiamate alle 4 di notte o le videoconferenze a mezzanotte stanno diventando sempre più frequenti, e che la percezione è che l'agitazione tra i dipendenti e i dirigenti di Huawei stia aumentando e che l'azienda continui a cambiare la propria strategia.


Il 5G che non rinuncia a niente? Motorola Edge, in offerta oggi da Tecnosell a 510 euro oppure da Unieuro a 599 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker