Hi-Tech

Apple sotto accusa: le custodie di AirPods e Powerbeats Pro violano quattro brevetti

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Apple è chiamata ad affrontare una nuova controversia giudiziaria per la presunta violazione di quattro brevetti; riguardano tecnologie impiegate, a detta del ricorrente, negli auricolari AirPods e Powerbeats Pro. A rivendicarne la paternità è la società GUI Global Products che opera con il nome commerciale di Gwee. Ad essere oggetto di discussione è la soluzione per l'aggancio magnetico degli auricolari alla custodia di ricarica e il sistema di riattivazione/disattivazione di determinate funzioni all'apertura/chiusura del coperchio.

Bisogna dire che in nessuno dei brevetti si parla espressamente di custodia di ricarica per auricolari: tutti hanno a che fare con dispositivi per la pulizia di lenti e schermi che si agganciano magneticamente ad un altro prodotto: ad esempio, in uno dei casi citati nella documentazione, si fa riferimento ad una custodia per occhiali da sole. I magneti integrati nella custodia, secondo la soluzione ideata da Gwee, possono anche determinare l'attivazione automatica di alcune funzioni del dispositivo che viene alloggiato all'interno.

Sarà una Corte Distrettuale del Texas a stabilire se le richieste di Gwee possano essere accolte e se i suoi brevetti siano applicabili ai prodotti audio di Apple. La società chiede alla Casa di Cupertino il risarcimento dei danni derivanti dall'uso non consentito di tecnologia brevettata, oltre al pagamento delle spese processuali. In prima battuta non è possibile stabilire con certezza se la richieste avanzate siano quelle di un'azienda che sta provando a lucrare prendendo di mira Apple o se si tratti di rivendicazioni effettivamente fondate.


Il 5G che non rinuncia a niente? Motorola Edge, in offerta oggi da Tecnosell a 505 euro oppure da Unieuro a 589 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker