Hi-Tech

La fibra c'è, ma perché gli italiani non si abbonano?

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

AGCOM ha svelato che la copertura delle reti in fibra ottica ha raggiunto il 30% delle famiglie, ma il numero degli abbonamenti è ancora basso. C'è un problema di diffuso di digital divide culturale.

Il 30% delle famiglie italiane è coperto da reti in fibra (FTTH, fiber-to-the-home), secondo gli ultimi dati del'AGCOM, ma il numero degli abbonamenti è a dir poco sconfortante. A marzo 2020 sono stati rilevati solo 1,34 milioni di accessi FTTH, contro gli 8,14 milioni di quelli VDSL (da 20 a 200 Mbps) e 6,82 milioni delle DSL (<10 Mbps). Complessivamente, mettendo in gioco tutte le tecnologie e quindi anche il fixed wireless, il numero non supera le 19,47 milioni di unità ed è in progressivo calo da almeno due anni. Probabilmente molti hanno abbandonato il residenziale e si accontentano dello smartphone, anche perché su una popolazione di circa 60 milioni in Italia circolano 78 milioni di SIM.

Le connessioni misto rame-fibra spopolano, ed è comprensibile poiché vantano l'88,9% della copertura delle famiglie, poi ci sono le connessioni in rame che sono presenti dappertutto. La bizzarria di questo paese è che moltissimi sarebbero disposti a qualsiasi compromesso per avere connessioni veloci, ma altrettanti non sembrano proprio interessati. iDate per FTTH Council Europe ha rilevato a settembre 2019 un tasso di penetrazione per gli abbonamenti FTTH pari solo al 4% delle famiglie, contro il 54,3% della Spagna e una media UE di circa il 10%. Se si considera anche il "cable", ovvero l'ultra-broadband veicolato tramite la tv via cavo – che in Italia non c'è – la media europea sale al 17,1%. Si potrebbe supporre che all'estero l'FTTH sia molto più diffuso e parzialmente è vero, ma la media UE in tal senso è del 33%; noi siamo al 30%…

I NUMERI CHE FANNO PENSARE

A fine 2019 risultavano 29 linee broadband residenziali e affari ogni 100 abitanti. Numeri che perplimono perché considerando che una famiglia media è composta da 2,3 componenti e circa un terzo è unipersonale è evidente che un'ampia fetta della popolazione sopravvive digitalmente solo con la telefonia mobile. E questo dettaglio si ripercuote sulla minoranza che brama servizi di accesso ultra-broadband, perché gli operatori sono costretti a indovinare dove possa eventualmente valere la pena investire per macinare abbonamenti. Ecco spiegato il motivo perché le zone competitive sono privilegiate rispetto alle altre.


Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE è in offerta oggi su a 290 euro oppure da Unieuro a 499 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker