Hi-Tech

Truffati con i servizi mobili a pagamento, il fallimento dell'autoregolamentazione

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Da anni migliaia di italiani pagano servizi non richiesti sul cellulare: un tempo bisognava almeno cliccare sui banner maligni adesso basta accedere a una pagina web.

La truffa mobile dei servizi a pagamento non richiesti, con la recente indagine della Procura di Milano, rappresenta uno dei capitoli più neri della storia delle telecomunicazioni italiane. Ben più grave di quello delle SIM fantasma del periodo 2001 – 2008, perché a questo giro di valzer ci si trova di fronte a un fenomeno risaputo che si ripropone ciclicamente.

In pratica è con l'inaugurazione della stagione dei servizi premium – detti anche VAS (value addes services) – che da anni i consumatori inciampano in attivazioni indesiderate. Che si tratti di giochi, oroscopi, news, musica o suonerie la sostanza non cambia. Se un tempo era richiesto almeno un inavvertito click su un banner, adesso è sufficiente accedere a una pagina web maligna per far scattare gli addebiti.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker