Hi-Tech

iPhone 12 in arrivo a settembre: in bundle niente cuffie né caricabatterie | Rumor

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

L'identikit di iPhone 12 è ormai piuttosto chiaro, ma restano ancora delle zone d'ombra. La prima è quella relativa alla presentazione e al lancio sul mercato, con voci che continuano a rincorrersi circa un possibile ritardo imposto dall'emergenza sanitaria, che avrebbe rallentato la catena produttiva. Il design con bordi piatti in stile iPhone 4 sembra orma certo, ma resta invece un dubbio centrale: quello del notch. Sarà veramente di dimensioni ridotte, come pronosticato dai primi rumor, o invece resterà invariato come emerge dalle ultime notizie? Questi, sicuramente, sono i dubbi principali: e le informazioni appena raccolte dai colleghi di MacRumors forniscono un ennesimo punto di vista sulla data di lancio, approfondendo anche alcuni dettagli come il contenuto della confezione, ma non si sbilanciano invece sul notch.

A quanto pare, secondo il report redatto dalla banca inglese Barclays su cui MacRumors avrebbe messo le mani, la linea produttiva si sarebbe rimessa in sesto a tempo record, e quindi anche la prossima generazione di iPhone dovrebbe essere lanciata nella finestra tradizionale, quella del mese di settembre. Inoltre, troverebbe conferma un rumor lanciato dal noto analista Mingh-Chi Kuo, per cui Apple non includerebbe più nella confezione (di nessuno dei quattro modelli previsti) le cuffie EarPods. Ma non è finita qui: secondo Barclays, infatti, nella scatola non sarà incluso neppure il caricatore da muro. Insomma, un'esperienza unboxing che potremmo definire essenziale: davanti all'acquirente si parerà solo il nudo dispositivo, accompagnato dalla documentazione e da un cavetto Lightning (almeno questo dovrebbe rimanere).

Secondo quanto appreso nel tempo da Cupertino, infatti, parrebbe che gli utenti tendano a non utilizzare le classiche cuffie col filo, preferendo dotarsi di AirPods o AirPods Pro, e che inoltre alcuni preservino addirittura il caricabatterie originale in ottica di rivendita del dispositivo. Una scelta che non farebbe felici molti, ma potrebbe permettere di abbattere leggermente il prezzo degli smartphone, e che non andrebbe ad incidere in maniera troppo dura su chi già viene da un melafonino, e quindi dispone del caricabatterie. Anche le voci meno estreme, comunque, parlavano di una ricarica a 20W accessibile solo tramite un caricatore da comprare separatamente.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare...

Close
Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker