Hi-Tech

Stella di neutroni o buco nero? Scoperta potrebbe rivoluzionare l'astrofisica

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Grazie allo studio delle onde gravitazionali, un team di astrofisici potrebbe essere riuscito a scoprire un oggetto celeste del tutto inedito, qualcosa che al momento non ha classificazione, la cui esistenza potrebbe costringere la scienza a rivedere il suo livello di conoscenza dell'universo.

Per capire meglio tutto è bene assimilare alcuni concetti che cercheremo di rendere semplici: le onde gravitazionali si formano quando dei corpi celesti enormi distorcono lo spazio-tempo che li circonda e inviano increspature attraverso l'universo. La propagazione ha carattere ondulatorio, la sorgente potrebbe derivare da sistemi binari, pulsar, esplosioni di stelle, scontri tra buchi neri, galassie in formazione ed altri eventi di grossa portata. La prima osservazione delle onde gravitazionali è davvero recente, risale al 2015 e si è scoperto essere il risultato della collisione tra due buchi neri.

Negli anni a seguire le rilevazioni sono continuate, fornendo agli scienziati materiale di studio del tutto inedito, fino al più recente ed emblematico caso. Un team internazionale che utilizza i rilevatori di onde gravitazionali in Italia e negli Stati Uniti, ha osservato un oggetto massiccio che va al di fuori di ogni classificazione attuale, presenta una massa maggiore rispetto a quello di una stella di neutroni, ma minore rispetto a qualunque buco nero rilevato ad oggi.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker