Hi-Tech

Apple, l'indipendenza dai processori Intel sarà costosa

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

La posta in gioco è alta – un'architettura condivisa tra Mac, iPhone e iPad – il percorso non è breve perché Apple parla di circa due anni per concluderlo ed il costo dell'operazione sarà alto. Sono considerazioni legate all'annuncio avvenuto nel corso della WWDC 2020 relativo allo sviluppo dei primi processori Apple destinati ai Mac e basati sull'architettura ARM.

Effetti del cambio di rotta e tempistiche sono già verificabili, dei costi del progetto invece ha iniziato a parlare il noto analista Ming-Chi Kuo. Svincolarsi dalla dipendenza da Intel è un lusso che Apple si concede mettendo però in conto un investimento importante in termini di risorse economiche. Kuo sottolinea che il passaggio ai processori Apple comporterà infatti dei costi extra rispetto a quelli che Apple sostiene per le forniture dei processori Intel.

Kuo non chiarisce quali voci di spesa contribuiranno a rendere i nuovi processori per i Mac più costosi, ma è verosimile che si tratti sia delle risorse per la ricerca e lo sviluppo (sono inevitabili per un prodotto progettato in proprio) sia quelle per l'acquisto dei componenti necessari a produrre i chip. Si parla di costi nel senso tecnico del termine, e quindi non è detto il maggiore costo verrà trasferito all'utente finale sotto forma di un prezzo più alto (rispetto a quello della stessa macchina con un equivalente processore Intel).


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker