Hi-Tech

Apple: scontri interni sul visore AR/VR secondo Bloomberg

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Lo stesso visore, ma visioni diverse. Secondo la ricostruzione di Mark Gurman di Bloomberg, lo sviluppo del visore AR e VR di Apple sarebbe stato travagliato, e molto presto si è trovato a un bivio. Prima, però, una precisazione: quando parliamo di "visore", parliamo del progetto N301, e quindi non degli Apple Glass – progetto N421 – che sono un prodotto diverso, con diverse applicazioni, ed esteticamente molto vicini ad occhiali da sole (secondo gli ultimi rumor dovremmo vederli alla fine dell'anno o all'inizio del 2021).

A capo del team di 1.000 persone incaricato dello sviluppo del visore per la realtà aumentata e virtuale c'è Mike Rockwell, che inizialmente ha fatto prendere al progetto un piega molto ambiziosa: la tecnologia da implementare era talmente avanzata da non poter essere, però, integrata in un dispositivo portatile. E non solo perché il design ne avrebbe risentito, ma soprattutto per problemi legati alla dissipazione del calore: aspetto che per un dispositivo destinato ad essere indossato sul viso riveste un ruolo centrale. Per questa ragione la squadra di Rockwell ha sviluppato congiuntamente un hub , dalle sembianze di un piccolo Mac, cui il dispositivo sarebbe stato connesso. In questo modo l'hardware montato sul visore vero e proprio si sarebbe potuto ridurre all'essenziale, con ovvi benefici in termini di estetica, peso, ergonomia, dissipazione del calore. Il grosso del lavoro sarebbe stato svolto proprio dall'hub, e poi comunicato al visore tramite un segnale wireless. Il visore sarebbe comunque stato in grado di funzionare autonomamente, ma disponendo di un numero ridotto di possibilità.

L'idea però non è piaciuta a Jony Ive, ex responsabile del design di Apple, che l'ha bocciata: il visore non avrebbe dovuto avere la necessità di appoggiarsi a nessun terminale esterno per funzionare. La richiesta per Rockwell e il suo team è stata di ripensare l'hardware al ribasso, in modo da poter integrare tutto all'interno del visore. Rockwell però non l'avrebbe presa bene, perché convinto che rinunciare alle prestazioni previste in origine avrebbe impedito al prodotto di incidere sul mercato. La tensione si è protratta nei mesi, e si è generato uno stallo che ha costretto infine il CEO Tim Cook a prendere una posizione netta.


Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 685 euro oppure da Yeppon a 915 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker