Hi-Tech

Nokia e 5G: raffreddamento a liquido per ridurre consumi ed emissioni CO2

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Il passaggio alle reti 5G è un processo graduale che coinvolge sia i produttori di smartphone (e altri dispositivi connessi) sia gli operatori che devono predisporre e adattare le proprie infrastrutture per renderle compatibili con la connettività di nuova generazione. Nokia – quella delle reti, non il marchio sugli smartphone HMD – ha illustrato i vantaggi che è possibile ottenere impiegando il raffreddamento a liquido per dissipare il calore di alcuni componenti delle infrastrutture di rete 5G. In breve: consumi energetici ridotti e meno emissioni di CO2.

Più nel dettaglio, Nokia ha fornito all'operatore telefonico finlandese Elisa le prime base station 5G della famiglia AirScale raffreddate a liquido. Si tratta di un prodotto attualmente unico nel panorama dei fornitori di apparecchiature di rete e che consentirà ad Elisa di ridurre sino al 30% le spese per i consumi energetici e sino all'80% le emissioni di CO2 delle BTS (Base Transceiver Station). Le soluzioni con raffreddamento a liquido di Nokia sono inoltre più silenziose, non richiedono manutenzione e possono essere sino al 50% più piccole e il 30% più leggere rispetto alle unità dotate di un più tradizionale sistema di condizionamento dell'aria.

Meno emissioni inquinanti, più longevità del prodotto e un risparmio economico significativo per gli operatori che decideranno di usarlo. Questi in sintesi i vantaggi da cui traggono giovamento aziende, come Elisa, che stanno puntando fortemente ad essere carbon neutral:


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker