Hi-Tech

Foxconn mai così male da 20 anni. Ma la ripresa è vicina (smartphone esclusi)

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Foxconn ha subìto un duro colpo a causa del coronavirus e per tutto ciò che ne è conseguito in termini di chiusure e blocchi della produzione. Le difficoltà in cui versa l'azienda taiwanese erano emerse già in precedenza, ma il contesto economico di questi ultimi mesi non ha fatto altro che aggravare la situazione.

Nel primo trimestre dell'anno è stato toccato il record minimo dei profitti degli ultimi 20 anni, con un calo del 90% rispetto allo scorso anno (70,2 milioni di dollari). E questo, Foxconn, l'aveva previsto, tant'è che sin da subito ha cercato di anticipare la riapertura delle sedi produttive nella speranza che i nuovi ordini da parte dei committenti – Apple e nuovi iPhone su tutti – tornassero a dare un certo equilibrio ai libri contabili dell'azienda.

Già a inizio marzo si erano manifestate le intenzioni di tornare alla normalità produttiva nel giro di poche settimane, e poco dopo il fondatore Terry Gou aveva parlato di una ripresa dei processi "oltre le aspettative", con le condizioni ideali per affrontare la stagione di picco produttivo. Insomma, Foxconn è intenzionata a mantenere le promesse fatte ai committenti, certa che il rispetto delle tempistiche rappresenti la chiave per un ritorno al profitto. In questo contesto sono dunque stati riaperti i centri produttivi garantendo ai lavoratori condizioni di sicurezza sanitaria e distanziamento sociale.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker