Politica

"Dalle scarcerazioni bisogna escludere tutti i casi di mafia" dice il pm di Milano

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

“La nota del Dap non distingueva tra detenuti comuni e detenuti per mafia, tra regime penitenziario ordinario e quello speciale”. Lo sostiene in un’intervista a Il Fatot Quotidiano Alessandra Dolci, procuratore aggiunto a Milano e capo della Direzione distrettuale antimafia, che indica l’origine delle scarcerazioni nella nota del 21 marzo emessa dal Dap, il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del ministero della Giustizia, allora guidato da Francesco Basentini, oggi estromesso.

Secondo Dolci è così che “sono stati scarcerati anche detenuti al 41 bis, cioè al carcere duro previsto per i mafiosi, e detenuti As1, cioè usciti dal 41-bis, e As3, cioè condannati per reati di competenza delle Direzioni distrettuali antimafia, come per esempio il traffico di stupefacenti”. E da quella nota, secondo la magistrata, “si è scatenata un’alluvione di istanze di detenuti di ogni tipo” e che “continuano ancora ad arrivare. Solo oggi – precisa – ne ho viste, qui a Milano, una decina”.

Per Dolci, dunque, le istanze di scarcerazione “sono state esaminate dal magistrato di sorveglianza, che in via d’urgenza le ha accolte, valutando che ci fosse un pericolo di contagio” che però – precisa –  è “davvero ipotetico, nel caso di detenuti al 41-bis” ai quali “devono essere impediti tutti i contatti”, in particolare “con il contesto criminale da cui provengono”. Poi però Dolci precisa ma al tempo stesso denuncia anche che “nei provvedimenti che ho visto, non c’erano a mio avviso i presupposti per l’accoglimento” perché “asserivano gravi condizioni di salute, senza documentarle adeguatamente”, oltre al fatto che “non consideravano la caratura criminale di chi le presentava”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker