Hi-Tech

Apple bloccò FaceTime su iPhone 4 per spingere iOS 7, deve pagare 18 milioni di $

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Apple ha accettato di pagare 18 milioni di dollari per risolvere una class-action relativa a FaceTime. Stando alle risultanze processuali, l'azienda di Cupertino è stata accusata di aver bloccato volontariamente FaceTime su iPhone 4 e iPhone 4S per risparmiare sulle licenze di terze parti necessarie a far funzionare il servizio.

La storia è questa: quando FaceTime fu lanciato nel 2010, Apple usò due metodi diversi per farlo funzionare. Uno era una connessione diretta peer-to-peer tra i due dispositivi coinvolti nella chiamata, mentre l'altro prevedeva il routing delle chiamate tramite servizi di terze parti ed era quindi più costoso del primo.

Tuttavia, nel 2012 un tribunale accertò che – seppure per una piccola parte – il sistema peer-to-peer violava i brevetti di una società chiamata VirnetX, e così Apple era stata costretta a utilizzare unicamente il secondo metodo, basato sui servizi di terze parti, spendendo molto più del preventivato.


Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 452 euro oppure da Unieuro a 592 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker