Hi-Tech

Truffe su farmaci anti Covid-19: appello AGCM a gestori browser e motori di ricerca

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Le truffe online relative alla vendita di farmaci pubblicizzati come adatti a combattere il virus Sars-Cov-2 sono state una costante della pandemia. In Italia l'ACGM è intervenuta in più occasioni per stigmatizzare e reprimere tali condotte – si veda il provvedimento che ha bloccato la vendita del farmaco Kaletra tramite il sito farmacocoronavirus.it. L'Antitrust è tornata sull'argomento cercando la collaborazione dei gestori dei principali browser e motori di ricerca al fine di contrastare il fenomeno delle farmacie abusive.

L'appello è rivolto a Google, Apple, Microsoft, Verizon (per Yahoo), Mozilla, Italiaonline e DuckDuckGo ai quali l'AGCM chiede di cancellare dai risultati di ricerca e di non indicizzare 361 URL. Tali indirizzi (pagine web, banner e collegamenti ipertestuali) si trovano in siti che svolgono attività lecite (in molti casi di tipo medico o paramedico) e rimandano a 60 soggetti non autorizzati alla vendita di farmaci online che hanno commercializzato medicinali con obbligo di ricetta medica spacciandoli come adatti a curare le persone colpite dal virus.

E' un invito perentorio: l'AGCM ricorda ai gestori di browser e motori di ricerca che, dopo la richiesta dell'autorità di vigilanza, in caso di mancata rimozione degli URL emergono profili di responsabilità civile. Nel caso degli URL tramite i quali si vendeva il farmaco Kaletra, Google, Apple e Italiaonline si sono mosse prontamente per oscurarli, conferma l'Antitrust.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker