Politica

"All'Italia ora serve regolarizzare gli immigrati", dice Minniti

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

“Un paese che lotta contro il coronavirus non può avere sul proprio territorio persone che sono fantasmi senza identità, irrintracciabili, che vivono in baraccopoli illegali potenziale focolaio di epidemia. Non è agli stranieri che facciamo un favore regolarizzandoli, ma all’Italia perché ne va della salute pubblica”. Ne è convinto l’ex ministro degli Interni degli ultimi governi di centrosinistra, Marco Minniti, che in un’intervista a la Repubblica avverte: “Il rischio è che con la pandemia si rompa qualcosa di molto profondo nel tessuto connettivo del nostro paese e delle democrazie più in generale”.

E se per l’ex titolare del dicastero del Viminale “stare a casa è una drammatica necessità”, non è tuttavia anche “una strategia per una democrazia” in quanto nulla sarà come lo era prima e si deve mettere nel conto, almeno, che ci sarà una “perdita di lavoro, accompagnata al dolore della perdita delle vite” oltre ad un “abbassamento rapido del tenore di vita per milioni di persone “.

A questo proposito Minniti ritiene che ora sia necessario stringere “un grande patto con il mondo del lavoro agricolo in tre tappe” che metta al centro la “lotta contro il caporalato, contratti di lavoro regolari, permesso di soggiorno” perché “il punto è che un paese che lotta contro l’epidemia non può avere fantasmi senza identità, che non siano rintracciabili o che vivano in baraccopoli illegali e prive di qualunque garanzia sanitaria”. 

“Non si può ragionare con gli schemi del passato”, afferma l’ex ministro, tanto che oggi “il massimo del realismo è il massimo dell’innovazione” sostiene, perciò  “regolarizzare i lavoratori stranieri non è un favore fatto a loro, ma all’Italia, perché ne va della salute pubblica” anche perché “abbiamo bisogno urgente di una legge sull’immigrazione che gestisca attraverso la nostra rete diplomatica gli ingressi regolari dai paesi di provenienza” afferma Minniti che conclude: “Le migrazioni sono un dato strutturale del pianeta, nemmeno il Covid-19 le ferma”, condividendo così anche la scelta del governo di chiudere i porti, perché “è inevitabile che nell’emergenza si facciano scelte senza precedenti come la quarantena sulle navi” mentre quel che resta “inaccettabile” è “la contrapposizione tra salute e umanità”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker