Politica

Il Pd non cambia linea, sì al Mes senza condizionalità

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

Non cambia la linea del Partito Democratico sull’utilizzo del Mes senza condizionalità. L’obiettivo rimane quello del Recovery found, spiegano fonti parlamentari, ma non si chiude la porta all’utilizzo del Mes per finanziare lo sforzo sanitario contro il Coronavirus. Ieri era stato il vice ministro dell’Economia, Antonio Misiani, a spiegare che il ricorso al Mes è da considerarsi escluso: “Il Mes non lo utilizzeremo, però utilizzeremo il programma per la cassa integrazione europea, utilizzeremo i 200 miliardi della Banca centrale degli investimenti e le altre possibilità che le istituzioni europee hanno deciso in queste settimane”.

Ma, viene spiegato all’AGI, l’esponente di governo si riferiva al vecchio Mes, quello istituito nel 2012 e che prevede delle misure molto stringenti – tale da far evocare la Trojka alle opposizioni – per gli Stati che ne faranno uso.

Per altri, all’interno del Pd, l’uscita di Misiani è stato un tentativo di accontentare il Movimento 5 Stelle che avrebbe seri problemi a far digerire il ricorso al Meccanismo Europeo di Stabilità tanto al suo interno, fra gli eletti, quanto alla base del movimento e per questo avrebbe chiesto al Pd di “tenere basse” le polemiche su questo aspetto. Secondo questa lettura, il vice ministro avrebbe peccato di “eccesso di zelo”, spingendosi a respingere tout court la possibilità di ricorrere ai fondi.

 “​La posizione del Pd sul Mes senza condizionalità dall’Eurogruppo è rimasta la stessa, fanno fede le dichiarazioni del ministro Roberto Gualtieri, David Sassoli e Paolo Gentiloni“, viene sottolineato ancora. E il responsabile dell’Economia ha detto chiaramente che “Sul Mes è stata eliminata ogni condizionalità, si è introdotto uno strumento facoltativo, una linea di liquidità fino al 2 per cento del Pil, che può essere attivato senza condizione”.

Il commissario agli Affari Economici dell’Unione Europea, Gentiloni, ha chiarito che “i contorni di un piano di rinascita” che per essere realizzato necessita di un “fondo la cui dotazione minima, e ripeto minima, dovrebbe aggirarsi intorno ai 1500 miliardi di euro” e i cui secondi mille – dopo i primi 500 resi subito disponibili – “dovranno fare leva sul bilancio comunitario e sull’emissione dei bond”.

E a intervenire è anche il segretario dem Nicola Zingaretti: “Ho fiducia nell’impegno preso da Conte sui tavoli europei e ne attendo l’esito. Da presidente di regione più che da leader politico dico che se esisterà la possibilità, senza condizionalità e rispettando la sovranità italiana, di avere dei miliardi a sostegno della nostra sanità credo che dovremmo prenderle queste risorse, ci servono per gli ospedali e per la nostra sanità”. 

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker