Hi-Tech

Pandemia in corso, la Terra vibra di meno

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: HI-TECH

Le misure globali di contenimento per combattere la diffusione del coronavirus hanno apparentemente reso il mondo molto più tranquillo. Lo stanno notando anche gli scienziati. Le strade in città intasate di traffico fino qualche settimana fa ora sono vuote, sulle autostrade la circolazione è ridotta al minimo indispensabile, ed anche treni e le metropolitane hanno notevolmente ridotto la loro operatività.

In questo momento di disagio sociale, c'è comunque un improbabile beneficiario della pandemia: il nostro pianeta. Non solo l'inquinamento atmosferico sta scendendo a livelli mai registrati negli ultimi tempi, come rilevato anche in Cina dove è notevolmente calata la concentrazione di diossido di azoto (NO2), ma i sismologi hanno anche rilavato una decisa diminuzione del rumore sismico ambientale, ovvero le vibrazioni generate da automobili, treni, autobus e persone che si muovono nella vita quotidiana. In assenza di questo rumore, la crosta superiore della Terra si sta muovendo un po' meno.

Secondo Thomas Lecocq, geologo e sismologo del Royal Observatory in Belgio, da metà marzo c'è stata una riduzione dal 30 al 50% circa del rumore sismico ambientale, proprio in concomitanza del periodo in cui il Paese ha iniziato ad attuare i cosiddetti "lockdown" con chiusure scolastiche, aziendali e altre misure di allontanamento sociale. Meno rumore significa che i sismologi possono rilevare piccoli terremoti e altri eventi sismici che alcune stazioni sismiche non sarebbero riuscite a registrare.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker