Politica

Coronavirus: Salvini,  Golden Power per tutelare le aziende italiane

Pubblicato su INFORMAZIONE 24 in: POLITICA

“La prima richiesta che come Lega e tutto il centrodestra unito abbiamo fatto al Governo e al presidente del Consiglio è di approvare la Golden Power, cioè che l’Italia possa dire no alla possibilità di acquistare da parte straniera, che può essere tedesca ma anche cinese”. Lo ha detto a “L’Intervista di Maria Latella” su Sky TG24 il leader della Lega Matteo Salvini.

“Sento che qualcuno si è dimenticato che il virus è arrivato dalla Cina, poi gli scienziati ci diranno come e perché, e che l’economia cinese è l’unica che crescer quest’anno. Sarà una mazzata per l’economia occidentale, l’economia europea e americana ma l’economia cinese crescerà”, sottolinea Salvini. “Non vorrei, quindi, che chi, per un motivo o per un altro, ha contagiato il mondo fosse colui che, con le sue aziende di Stato, perché la Cina non è una democrazia ma un regime comunista, andasse a comprare aziende in mezzo mondo”. “Quindi serve una Golden Power, una tutela dell’interesse strategico nazionale su Eni ma anche su tutte le migliori aziende che sono rimaste in Italia, penso alle telecomunicazioni, all’alimentare, al mobile e all’editoria. Difendere le aziende italiane anche a costo di pensare a un intervento dello Stato per proteggere i dati, il lavoro e il futuro degli italiani. Su questo siamo disposti a collaborare con chiunque”. 

“Noi non vogliamo i soldi dei tedeschi, dei francesi o dei polacchi. Tantissimi economisti liberi stanno chiedendo di spendere adesso per gli italiani i soldi degli italiani” ha aggiunto Salvini. “Un’emissione straordinaria da cento miliardi di euro di buoni del Tesoro italiani offerti a condizioni vantaggiose ai risparmiatori, agli imprenditori e ai cittadini italiani con durata ventennale. In questo modo il debito italiano e la ricostruzione italiana saranno in mano, non al MES o ai tedeschi, ma agli italiani. Si è fatto tante volte in passato e si può fare adesso con la garanzia della BCE. L’unico intervento che possiamo chiedere all’Europa senza avere problemi sono le garanzie della BCE”.

 Parlando del Mes Salvini ha quindi aggiunto: “E’ come un furto e a me se il furto viene portato avanti a mano armata, con il coltellino, con il cloroformio o con una botta in testa non interessa. Non mi interessa se il furto ha delle lievi condizioni, se mi feriscono tanto o poco, ma rimane pur sempre un furto”. 

“Le condizioni che non ci sono oggi, da statuto del Trattato ci saranno domani. Ogni euro che ci danno oggi dovrà essere restituito con interessi e sacrifici in via privilegiata al Mes”, sottolinea Salvini. “Questo fa rima con tassa patrimoniale, ulteriore precarizzazione del lavoro e aumento dell’eta’ pensionabile. Oltretutto i numeri non stanno in piedi, perchè gli italiani hanno già dato al fondo Mes e ad altri fondi salva-stati e salva-banche 58 miliardi di euro, mentre ora ci dicono che ora aderendo a questo super Mes, mini MES o fanta Mes potremo avere il 2% del nostro Pil, vale dire 36 miliardi.

Abbiamo, quindi, dato 58 miliardi e, se facciamo i bravi, accettiamo delle condizioni che saranno a carico dei nostri figli, ce ne danno indietro 36. Anche mia figlia capisce che c’è una fregatura”. Il segretario della Lega aggiunge, inoltre: “Non vorrei che qualcuno abbia preso a titolo personale, senza dirlo al Parlamento e agli italiani, degli impegni che però sono un danno per il Paese. Il presidente del Consiglio spergiura che lui non accetterà mai il Mes mentre il ministro dell’Economia dice che un mezzo Mes, un Mes simpatico si potrebbe considerare. Delle due l’una, o ha ragione uno o ha ragione l’altro”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close

Adblock rilevato

Disattiva il tuo AdBlocker